LINDY Adattatore da USB a SATA & IDE
> Scritto da Samuel Zilli il giorno 25/10/2006
 1 - Introduzione

  

Oggi testiamo un nuovo prodotto di LINDY, azienda molto attiva nel campo degli accessori per PC.

Si tratta del nuovo Adattatore da USB a SATA & IDE (part. No. 42861), che consente di collegare “al volo” al PC o notebook un qualsiasi disco EIDE (Parallel-ATA) o Serial-ATA da 3.5” o 2.5”.

L'adattatore che recensiamo è una versione aggiornata e potenziata di un prodotto simile di LINDY, l'Easy IDE USB 2.0 Adapter, che abbiamo provato in passato e del quale trovate una recensione a questo link.

L'Adattatore da USB a SATA & IDE, come già detto, è un pratico accessorio dedicato a tutti gli “smanettoni” del PC che spesso di trovano a collegare dischi fissi al proprio PC (ad esempio per formattarli e partizionarli, recuperare dati, ecc), o a quegli utenti che abbiano necessità di collegare ad un PC il disco fisso da 2.5” del proprio notebook per recuperare importanti files.
Non ultima, la possibilità di collegare drives da 5”1/4 come lettori CD e DVD, masterizzatori, ecc.

Dotato di una connessione USB 2.0 (compatibile anche USB 1.1), garantisce alte velocità di trasferimento da e verso il PC, permettendo di operare agevolmente anche con i dischi più capienti.

 2 - Descrizione

  

Come da tradizione per i prodotti LINDY, la confezione è in cartone robusto con buon imballaggio interno. La grafica esterna visualizza sia l'aspetto del prodotto che le sue caratteristiche.

L'alimentatore fornito assieme all'adattatore di LINDY è piuttosto grande, dovendo fornire correnti in grado di alimentare stabilmente anche i dischi fissi più esigenti. Garantisce correnti di 2 Ampére sia per la linea dei 5Volt che per quella dei 12Volt.
Il connettore di alimentazione è il classico Molex, che va ad alimentare direttamente il disco fisso da collegare.
L'alimentazione dell'adattatore vero e proprio viene invece prelevata direttamente dalla porta USB utilizzata per il trasferimento dati con il PC (o notebook).

Completano la dotazione un foglietto di istruzioni (in inglese), un cavo dati S-ATA (necessario per collegare i dischi S-ATA da 3.5” e 2.5”) ed un adattatore d'alimentazione S-ATA da collegare tra l'alimentatore fornito ed il disco fisso (da usare per i dischi fissi privi del classico Molex, non collegate mai entrambe le alimentazioni Molex e S-ATA!).

L'adattatore in sé ha dimensioni molto contenute, ed è caratterizzato esteriormente da un cavo USB (non particolarmente lungo, ma estendibile tramite comuni prolunghe USB) e dai connettori dati per i dischi fissi supportati.

In particolare, sui fianchi troviamo i connettori EIDE a 40 pin (per HD EIDE 3.5” e drive ottici da 5”1/4) ed a 44 pin (HD EIDE 2.5”), sulla parte superiore invece vi è il connettore S-ATA (HD S-ATA 3.5” e 2.5”, masterizzatori S-ATA da 5”1/4).
Un plauso va senz'altro fatto ai progettisti per essere riusciti a concentrare in così poco spazio i tre connettori e tutta l'elettronica interna.

 3 - Installazione

  L'installazione dell'adattatore di LINDY è veramente pratica ed immediata.
Per quanto riguarda i dischi fissi da 2.5” EIDE (a 44 pin), il procedimento è semplicissimo: si collega l'adattatore direttamente al disco fisso tramite l'apposito connettore, e quindi si collega il cavo USB 2.0 al computer. Il disco preleverà l'alimentazione dal PC tramite il cavo USB, e verrà riconosciuto automaticamente dal sistema nel giro di pochissimi secondi.

Il procedimento per collegare un disco fisso da 3.5” EIDE (a 40 pin) o un drive da 5”1/4 è simile: si collega l'adattatore all'HD tramite il connettore a 40 pin e al PC tramite il cavo USB, poi si collega l'alimentatore al connettore Molex del disco fisso ed il gioco è fatto.

Come ultima configurazione vi è il caso dei dispositivi Serial-ATA.
L'adattatore in questo caso si collega al disco tramite il piccolo cavetto S-ATA fornito in dotazione. Se il disco è fornito di connettore di alimentazione Molex, si collega direttamente l'alimentatore in dotazione. Se il disco ha invece il connettore di alimentazione in formato S-ATA, basterà utilizzare il convertitore di alimentazione Molex/SATA, anch'esso fornito da LINDY con il suo adattatore. Nel caso in cui il disco o l'unità ottica sia fornito di entrambi i connettori di alimentazione S-ATA e Molex, bisognerà collegarne solo uno e non entrambi.

In tutti i casi il disco verrà riconosciuto automaticamente da Windows, che nel caso di Windows XP, 2000 e ME non avrà bisogno di nessun driver. A questo punto si potrà procedere per tutte le operazioni necessarie come se fosse un qualsiasi disco fisso collegato alla scheda madre, si potrà partizionare e formattare con i consueti strumenti software, si potranno copiare files ed effettuare backup o ripristini.

 4 - Sistema di test

  Il sistema utilizzato durante i test è il seguente:

  • Windows XP SP2
  • AMD Athlon 64 3000+ Socket 939 (Venice) overcloccato a 2600MHz con 1.55V di vcore
  • Asus A8N-SLI Deluxe (chipset Nvidia Nforce4 SLI), con BIOS v1011
  • 2 x 256MB DDR400 Corsair (512MB totali)
  • Sapphire Radeon X700 Pro 256MB PCI-Express

Per i test abbiamo usato i seguenti software :

  • Intel Iometer v.2004.07.30
  • ZD WinBench 99 v2.0 (con UI v1.0.1)

Abbiamo utilizzato nei benchmark i seguenti dischi fissi da 3”½ :

  • Hitachi Deskstar T7K250-160 (HDT722516DLAT80), 7200rpm, 160GB, 8MB cache, EIDE
  • Hitachi Deskstar 7K80 (HDS728080PLA380), 7200rpm, 80GB, 8MB cache, S-ATA II

Abbiamo utilizzato nei benchmark il seguente disco fisso da 2”½ :

  • Hitachi Travelstar 5K100-40 (HTS541040G9AT00), 5400rpm, 40GB, 8MB cache, EIDE 44pin

I dischi fissi sono stati partizionati con una partizione unica in formato NTFS. Prima di ogni test sono stati formattati.

Per comparare le prestazioni dell'Adattatore da USB a SATA & IDE di LINDY, abbiamo considerato anche i risultati ottenuti in analoghi test collegando i dischi fissi ai seguenti dispositivi :

 5 - Risultati dei benchmark – HD EIDE da 3.5”

  Il primo test riguarda il collegamento di un comune disco fisso EIDE (Parallel-ATA) da 3.5”. Per l'occasione è stato utilizzato il disco Hitachi Deskstar T7K250-160 da 160GB già adottato in altre recensioni.

La prima prova ha riguardato la verifica della velocità di trasferimento dati (transfer rate). Riportiamo per confronto anche i risultati ottenuti collegando lo stesso disco direttamente al canale EIDE della scheda madre, nonché ad altri dispositivi quali il precedente adattatore LINDY EASY IDE USB Adapter e due box USB (Enermax e Icy Box).


LINDY Adattatore da USB a SATA & IDE


Collegamento diretto alla scheda madre

LINDY EASY IDE USB Adapter

Enermax Laureate EB305C-S

ICY BOX IB-350US-B

Dai risultati emerge chiaro che finalmente ci troviamo davanti ad un adattatore in grado di sfruttare a pieno la velocità di trasferimento offerta dal canale USB 2.0, raggiungendo gli stessi risultati dell'ottimo box Enermax Laureate con transfer rate di circa 35MB/s. Ottimo il miglioramento di prestazioni rispetto al precedente adattatore di LINDY (che non offriva tra l'altro il supporto S-ATA).

La seconda prova valuta il tempo di accesso al disco fisso:

In questo test i risultati sono piuttosto allineati, molto vicini a quelli ottenuti collegando il disco fisso direttamente alla scheda madre. Ciò è indice di una buona velocità di risposta delle interfacce di conversione, tale da non aggiungere ritardi sensibili.

L'ultima prova riguarda la simulazione di un utilizzo intenso del disco fisso, ottenuta con lo Iometer test di Intel:

In questo test, che esprime entro certi limiti le performance ottenibili nell'uso reale, ritroviamo un'ottimo punteggio per l'adattatore di LINDY, che ottiene risultati paragonabili a quelli del box USB di Enermax.

 6 - Risultati dei benchmark – HD EIDE da 2.5”

  Per questo test abbiamo collegato un disco fisso da 2.5” (Hitachi Travelstar 5K100-40) con il consueto connettore EIDE a 44 pin utilizzato da questa classe di drives. Anche in questo caso abbiamo confrontato i risultati ottenuti con la precedente versione dell'adattatore di LINDY, nonché quelli di due box USB 2.5”.


LINDY Adattatore da USB a SATA & IDE


Collegamento diretto alla scheda madre

LINDY EASY IDE USB Adapter

Icy Box IB-251

Skyntek Mobile Disk

In questo caso c'è poco da dire, il transfer rate ottenibile dall'Adattatore da USB a SATA & IDE di LINDY surclassa nettamente quello degli altri dispositivi testati.

Qui ritroviamo quanto già verificato in precedenza: l'elettronica di questi dispositivi è ottimizzata e non introduce ritardi aprezzabili per quanto riguarda il tempo di accesso.

Grazie ai buoni risultati visti prima, il nuovo adattatore di LINDY si conferma, anche nello Iometer test, al top per quanto riguarda l'utilizzo con i dischi da due pollici e mezzo.

 7 - Risultati dei benchmark – HD SATA da 3.5”

  Come ultimo test, abbiamo utilizzato un disco fisso Serial ATA da 3.5” (i modelli SATA 2.5” hanno il medesimo connettore e quindi è lecito aspettarsi lo stesso comportamento dell'adattatore), il modello Hitachi Deskstar 7K80.
In questo caso abbiamo incluso nuovamente il box Enermax Laureate EB305C-S a titolo di confronto, essendo anch'esso dotato del doppio supporto EIDE/S-ATA.


LINDY Adattatore da USB a SATA & IDE


Collegamento diretto alla scheda madre

Enermax Laureate EB305C-S

Ottima anche l'efficacia della conversione del flusso di dati dall'interfaccia Serial-ATA a quella USB, con un transfer rate che raggiunge ancora i 35MB/s.

Decisamente interessante l'access time ottenuto dal nuovo adattatore di LINDY.

A riprova degli ottimi risultati di transfer rate e access time, il prodotto di LINDY riesce ad ottenere un punteggio nello Iometer test migliore dell'ottimo box di Enermax.

 8 - Conclusioni

  

Il nuovo Adattatore da USB a SATA & IDE di LINDY è decisamente un oggetto interessante.
Ha un utilizzo diverso da quello di un classico box USB, non serve infatti per poter trasportare comodamente Gigabytes di dati da un PC all'altro. Piuttosto, è perfetto da tenere accanto al proprio PC o notebook, o nel proprio “laboratorio”, per collegare velocemente un disco fisso quando ce ne sia necessità. Ad esempio quello del notebook guastato all'improvviso per recuperarne i dati, oppure quello di un amico che dobbiamo testare o formattare...

E' un prodotto dedicato soprattutto a chi ama “smanettare” con i PC, per passione o per lavoro, e la compatibilità con la quasi totalità dei dischi fissi esistenti (S-ATA ed EIDE, da 3.5” e 2.5”) ne fa uno strumento estremamente versatile e potente.
A questo si aggiungono le ottime performance che abbiamo registrato nei nostri test, che lo pongono al livello anche dei mogliori box USB in quanto a velocità.

Nel corso delle prove non abbiamo trovato difetti degni di nota. L'unico appunto potrebbe essere mosso verso le dimensioni ingombranti dell'alimentatore (grande come un classico alimentatore da notebook), ma va considerato che non è un accessorio che viene spostato spesso.

Il prezzo proposto da LINDY per l'Adattatore da USB a SATA & IDE (Cod. 42861) è di circa 35€ IVA inclusa, senz'altro adeguato a quanto offerto.


--------------------------------------------------------------------------------------------
AZPoint.net - http://www.azpoint.net
Vietata ogni forma di duplicazione