ProSoftware Syncronize Backup
> Scritto da Samuel Zilli il giorno 16/02/2006
 1 - Introduzione

  

L'informatizzazione ha ormai raggiunto ogni aspetto della vita sia quotidiana che lavorativa e nel nostro PC (o notebook) spesso vi sono salvati una miriade di dati, archivi, files, fotografie e altro che per noi sono molto importanti.
Nel caso degli uffici e delle aziende poi il contenuto dei computer e dei server è ancora più importante, visto che spesso vi sono contenuti dati indispensabili.

Eppure, sia tra i privati sia tra le piccole aziende, è ancora diffusa la credenza (o speranza?) che ciò che è salvato nel disco fisso sia al sicuro per sempre. Eppure i rischi di perdere dei dati importanti sono veramente moltissimi: guasto hardware, malfunzionamento software, corruzione di dati, virus, hacker, cancellazioni involontarie, furto del computer, eccetera eccetera.
Nella maggior parte delle volte però, per scarsa conoscenza o solo per pigrizia, si fanno i conti con questi rischi quando ormai è troppo tardi ed il danno è fatto.
E dire che basta poco: le soluzioni per il backup (copia di sicurezza) dei dati sono infinite, sia per i privati che per le aziende.

Oggi ci occupiamo di un software, Syncronize Backup, sviluppato interamente da un'azienda di Napoli, la ProSoftware.
Syncronize Backup è un software che, grazie alle notevoli funzionalità e personalizzazioni, è rivolto alle piccole e medie imprese (PMI). Ma grazie ad una buona facilità d'uso e ad un prezzo veramente accessibile a tutti, è perfetto anche per tutti i privati che abbiano a casa un PC od un portatile.

 2 - Descrizione

  

Syncronize Backup è fornito da ProSoftware solo in modalità digitale, da acquistare e scaricare attraverso il sito ufficiale.
La scelta di non avere il classico prodotto “box” con scatola, CD e manuale porta con sè diversi vantaggi. Per prima cosa consente di mantenere il prezzo di acquisto a livelli veramente accessibili a tutti. Poi, in questo modo c'è una flessibilità decisamente maggiore nel rendere disponibili le versioni aggiornate.

La politica di ProSoftware è quella di offrire il download gratuito della versione Demo, che presenta tutte le funzionalità abilitate ma è utilizzabile solo per 30 giorni. In questo lasso di tempo l'utente avrà l'opportunità di valutare il software nelle sue esigenze, evitando di comprare “alla cieca”; qualora volesse poi procedere all'acquisto basterà utilizzare l'apposita procedura predisposta nel sito di ProSoftware. In pochi minuti potrà quindi acquistare la licenza (chiave di attivazione) pagando con una delle varie forme messe a disposizione. La licenza permette una singola installazione del software, ma l'utente potrà poi utilizzarlo per effettuare il backup di tutte le risorse di rete.
Il prezzo della singola licenza attualmente è fissato a 25€ e sono disponibili interessanti sconti per l'acquisto di 3 o più licenze.

Syncronize Backup, come il nome lascia intuire, supporta due modalità principali di funzionamento per il trattamento dei files: la sincronizzazione ed il backup.

La sincronizzazione è un processo con cui il contenuto di due o più cartelle (e relative sottocartelle) viene confrontato ed il software fa in modo che diventi identico, copiando o aggiornando i files necessari dove mancano.

Il backup è invece una copia integrale del contenuto di un percorso sorgente in uno o più percorsi di destinazione. Le modalità di backup disponibili sono tre :

  • standard : il contenuto del percorso sorgente viene semplicemente copiata tale e quale nella cartella destinazione;
  • completo : rispetto allo standard, ad ogni nuovo backup vengono mantenuti anche tutti i backup precedenti, ognuno diviso in una propria sottocartella distinta per data del backup;
  • incrementale : simile al completo, ma ad ogni nuovo backup vengono copiati solo i files nuovi o aggiornati rispetto ai backup precedenti, invece di ricopiare tutto.

Il backup completo è quello più sicuro, che permette di avere diverse versioni degli stessi file e quindi di risalire a modifiche precedenti all'ultimo backup. Lo svantaggio è che utilizza molto più spazio di memorizzazione, dovendo tenere una copia completa per ogni singolo backup.
Il backup incrementale cerca di ottenere gli stessi vantaggi con uno spreco di spazio minore, ma rende meno immediato il ripristino di intere cartelle con molti files.
Il backup standard è quello consigliato per la maggior parte degli utenti, perchè occupa meno spazio di tutti ed è il più semplice per un eventuale ripristino dei dati.

Per quanto riguarda il supporto dei percorsi, Syncronize Backup si distingue dalla maggior parte degli altri software di questa fascia di prezzo. Infatti, oltre a supportare i vari percorsi di rete, dà la possibilità di specificare percorsi remoti su server FTP. Con questa possibilità, quindi, chi possiede dello spazio web su un server FTP (come quelli che ospitano i siti Internet) può utilizzarlo come cartella di backup remota, aggiungendo un ulteriore grado di sicurezza.

Non mancano poi le classiche opzioni di pianificazione di sincronizzazioni e backup automatici ad orari prestabiliti. A questo proposito sono anche gestibili avvisi via e-mail nel caso qualcosa andasse storto durante il processo.

Il manuale è in lingua italiana ed è disponibile in formato PDF direttamente nel sito di ProSoftware. Migliorabile dal punto di vista dell'impaginazione, è però ricco di immagini e sufficientemente chiaro.

I requisiti di Syncronize Backup sono i seguenti:

  • Sistema Operativo: Windows 98/ME/NT/2000/XP
  • Processore: Intel Pentium 2 o superiore / AMD
  • Ram: 128 MB o superiore
  • Video: VGA 800x600 con 65000 colori o superiore
  • Spazio richiesto: 10 MB

 3 - Installazione

  Per installare Syncronize Backup basta eseguire il file scaricato dal sito di ProSoftware.
Viene inizialmente richiesta la scelta della lingua, tra italiano e inglese (ricordiamo che ProSoftware è un'azienda italiana).

Di seguito viene proposta la licenza, senza accettare la quale ovviamente non si può proseguire con il processo d'installazione.

Il setup chiede quindi di scegliere la cartella in cui il software verrà installato (sono richiesti pochi MB di spazio su disco):

Al termine dell'installazione viene creato un gruppo nel menù Programmi:

e un'icona sul desktop (non si può scegliere di evitarne la creazione, ma basta cancellarla se non desiderata):

Al primo avvio viene mostrato il numero seriale dell'installazione effettuata:

A questo punto possiamo decidere se utilizzare Syncronize Backup in modalità dimostrativa (limitata a 30 giorni) o se procedere all'acquisto. In questo caso, l'acquisto vero e proprio della licenza avviene tramite il sito di ProSoftware come già accennato, ed alla conclusione viene fornita la chiave di attivazione della propria licenza, da inserire nell'apposita finestra del software.

Quando il programma è avviato, è riportata un'icona nella taskbar :

 4 - Utilizzo : Sincronizzazione

  All'avvio il programma chiede se vogliamo configurare un'operazione di Sincronizzazione o di Backup, di cui abbiamo già dato una descrizione nelle pagine precedenti.

Vediamo prima l'opzione di sincronizzazione:

Prima di effettuare una sincronizzazione è necessario impostare i percorsi desiderati utilizzando le caselle Origine e Destinazione. Mediante l’opzione “Abilita modalità FTP” è possibile selezionare tra i percorsi desiderati anche un server FTP, come spiegato in precedenza.
La ‘Modalita Singola’ permette di tenere sincronizzati due o più percorsi tra di loro. In questo caso ogni singolo percorso fa sia da origine che da destinazione. Se, ad esempio, si vogliono mantenere diverse copie degli stessi dati su vari percorsi (un hardisk esterno, un masterizzatore, un server FTP, ecc..) può risultare comoda questa modalità.
La modalità Multipla (modalità predefinita), invece, viene utilizzata per sincronizzare un percorso di origine con dei percorsi di destinazione. In genere questa modalità è quella di uso più frequente.

Nella scheda Opzioni troviamo diverse personalizzazioni.
Si può decidere che venga richiesta una conferma prima di sovrascrivere i files di destinazione, ad esempio in fase di test iniziale o in casi particolari.
E' a scelta dell'utente il tipo di confronto da adottare per decidere se un file è stato modificato o meno. Il più sicuro (che evita il rischio che alcuni files modificati vengano riconosciuti come inalterati e quindi non copiati) è quello con CRC, ma è decisamente il più lento. Un buon compromesso tra accuratezza e velocità è il metodo di confronto intelligente, che utilizza il controllo CRC solo nei casi “dubbi”, ovvero se la dimensione del file origine e del file destinazione è identica ma la data è diversa.

Vi sono poi quattro ulteriori opzioni :

  • Mantieni percorsi di origine inalterati: Abilitando questa opzione il programma non effettuerà variazioni nei percorsi di origine.
  • Elimina file non presenti nei percorsi di origine: Questa impostazione è da usare con cautela in quanto può generare una perdita indesiderata di dati.
  • Esegui scansione dopo la sincronizzazione: Per verificare se il processo di sincronizzazione è andato a buon fine può essere utile selezionare tale opzione.
  • Sincronizza automaticamente dopo la scansione: Questa opzione permette di sincronizzare i percorsi specificati direttamente senza che venga mostrato alcun messaggio.

Una volta impostati i percorsi e le opzioni desiderate, prima di eseguire la sincronizzazione, bisogna eseguire il processo di scansione, che individua i files mancanti o obsoleti nella destinazione:


E' possibile poi lanciare un'anteprima della sincronizzazione:


Questo processo esegue l'intero task di sincronizzazione ma senza operare nessuna scrittura reale. Permette quindi di osservare in anteprima, grazie ai risultati riportati, quale sarà l'effetto della sincronizzazione.

Una volta avviata la sincronizzazione vera e propria, una dettagliata finestra mostra l'andamento del processo, fornendo una stima del tempo mancante. Il processo è relativamente veloce, soprattutto quando viene fatto spesso e ci sono pochi files modificati; in ogni caso dipende dalla velocità della CPU e dei supporti di memorizzazione (o delle eventuali connessioni di rete intermedie).

Nei successivi avvii del programma ovviamente non verrà più mostrata la schermata di configurazione della sincronizzazione, ma verrà proposta direttamente quella già configurata, pronta per essere eseguita.

 5 - Utilizzo : Backup

  Se all'avvio del programma Syncronize Backup scegliamo di effettuare un backup, ci verrà proposta una finestra di wizard che ci guida alla scelta dei percorsi sorgente e destinazione:

E' poi disponibile l'opzione per inserire percorsi personalizzati con ulteriori opzioni:

in questo modo si possono specificare anche singoli files da tenere aggiornati (è sempre presente l'opzione per i percorsi via server FTP).
Di seguito il software riporta uno schema riassuntivo che presenta graficamente, in maniera molto chiara ed efficace, i percorsi sorgente e destinazione selezionati.

E' possibile anche impostare più destinazioni di backup per una stessa sorgente (ad esempio per fare una copia di sicurezza contemporaneamente su un disco USB e su un server FTP):

Per avviare il processo di backup bisogna scegliere tra le tre modalità standard, completa e incrementale discusse in precedenza:

Una comoda opzione consente di ignorare i percorsi non accessibili (ad esempio un disco rimovibile non inserito o un server scollegato) permettendo di portare comunque a termine il backup degli altri percorsi.

Analogamente a quanto visto per la sincronizzazione, anche per il backup una finestra riporta dettagliatamente l'avanzamento dell'operazione:

Se abbiamo scelto il backup completo o incrementale, troveremo i diversi backup raccolti ordinatamente in cartelle riportanti la data dell'operazione:

Al termine delle operazioni sia di sincronizzazione che di backup viene sempre creato un log di rapporto dettagliato su file di testo, che può essere anche visualizzato direttamente all'interno di Syncronize Backup.

 6 - Opzioni di personalizzazione

   Vediamo brevemente una carellata sulle molteplici finestre di configurazione di Syncronize Backup.

Nel menu ‘Avvio’ è possibile impostare le modalità di esecuzione del programma.

Nel menu ‘Log’ si impostano le opzioni relative al rapporto di ogni operazione svolta.

Nel menu ‘Errori’ è possibile variare alcune impostazioni che possono essere utili per una maggiore flessibilità in caso di errore.

Selezionando l’ opzione ‘Invia E-Mail in caso di errori’ è possibile inserire un indirizzo di posta che il programma utilizzerà come destinatario per notificare la presenza di eventuali errori riscontrati.

Mediante questo pannello di configurazione si possono inserire i server FTP da utilizzare durante le operazioni di backup o di sincronizzazione. Al momento comunque Syncronize Backup è limitato ad un solo server FTP.

Se si desidera effettuare il backup o la sincronizzazione in modo programmato , basta selezionare ‘Esegui Syncronize automaticamente’ oppure ‘Esegui Backup automaticamente’ e successivamente impostare l’orario e l’intervallo di tempo desiderato. Le modifiche saranno comunque operative al prossimo riavvio del software. In caso di avvio programmato il programma sarà minimizzato e visibile solo tramite l'icona nella taskbar.

Queste modifiche sono dedicate agli utenti più esperti che possono così sfruttare al meglio computer e connessioni veloci.

Le ultime due schede di opzioni permettono di configurare la lingua e gli aiuti.

Manca a nostro avviso solo un tool di aggiornamento automatico, che avvisi l'utente di eventuali versioni aggiornate disponibili per il download. Per programmi “critici” come quelli che operano sui backup può essere senz'altro utile che l'utente venga avvisato della eventuale disponibilità di versioni che correggono qualche bug o migliorano la funzionalità.

 7 - Conclusioni

  

Il software Syncronize Backup di ProSoftware si è rivelato decisamente flessibile.

Se inizialmente, infatti, l'interfaccia grafica leggera ed essenziale potrebbe far pensare di trovarci di fronte ad un prodotto quasi “amatoriale”, subito ci si rende conto quanto in realtà Syncronize Backup sia un programma completo e ben progettato.

L'interfaccia è sì priva di fronzoli ma è esaustiva sia dal punto di vista della chiarezza e degli aiuti, sia da quello della ricchezza di opzioni personalizzabili.

Il supporto al protocollo FTP per il salvataggio di dati su server remoti è senz'altro un plus interessante.

L'utilizzo del programma è intuitivo anche per i meno esperti, anche grazie all'aiuto del manuale. Questo, aggiunto al prezzo sicuramente competitivo, fa del prodotto di ProSoftware un'ottima soluzione per quanti desiderino mettere al sicuro i propri dati.


--------------------------------------------------------------------------------------------
AZPoint.net - http://www.azpoint.net
Vietata ogni forma di duplicazione