Pagina Iniziale | Preferiti Comunity: Login | Registrati | Newsletter | Forum | Concorsi Newsgroup
Canali: Hardware | Software | Files | Webmaster | Cellulari | Shop
Nel sito: News | Articoli | Files | Manuali | Consigli PC | Schede cellulari | Programmaz. | Hosting | Motori Ricerca | Glossario | Link
Servizi: Shopping | Forum | Crea un BLOG | Cartucce Compatibili | Tool News |   Sponsor: Automazione Industriale
  Articoli

Recensioni
Consigli per PC


  News e files

Software
Telefonia
Internet
Tecnologia
Files e Download


  Manualistica

Guide HW/SW
Scripts ASP
Scripts HTML
Scripts Java
Scripts Delphi
Glossario


  Shopping

Hardware
Software e Giochi
Elettronica
Cinema e Film
Console e Accessori
Prodotti Ufficio
Formazione e Corsi

Tieniti aggiornato sul mondo della tecnologia con la nostra newsletter!
La tecnologia sulla tua
casella e-mail

[Info Newsletter]


Concessionaria Pubblicitaria

<< News Precedente [Fine Pagina] News Successiva >>
Pascal - guida e concetti alla programmazione

Un articolo di: Staff del 12/02/2002      Letture: 71587

Capitolo 1: Introduzione ai linguaggi programmativi

"Il computer è una macchina che elabora delle informazioni ; in quanto macchina , però , non è capace di gestirle da sè, ma necessita di un operatore esterno che istruisca l' elaboratore e gli insegni come trattare queste informazioni."

Questa definizione racchiude in sè il significato della parola programmazione.

Esistono due principali tipi di linguaggi con cui programmare una macchina: i programmi interpreti e i compilatori.

Alla prima categoria appartengono numerosi programmi tra i quali spicca il BASIC ( Beginners All-Purpose symbolic Instruction Code = Codice simbolico di istruzioni per tutti gli usi, per principianti) grazie alla sua intuitività ( almeno per chi mastica un po' d' inglese !). Il suo funzionamento è semplice: il codice sorgente ( quello introdotto dall' operatore esterno) viene tradotto in linguaggiuo macchina (ASCII) riga per riga ogniqualvolta il programma stesso viene eseguito.

Oltre agli interpreti però, come già detto, esistono anche i compilatori. PASCAL,FORTRAN( FORmula TRAnslate = Traduzione di formule) e C , sono soltanto alcuni dei più diffusi linguaggi compilati. I programmi compilatori funzionano nel modo opposto degli interpreti: dato il solito codice sorgente, il compilatore lo trsforma in blocco in codice eseguibile.

Questi due metodi di programmazione sono entrambi validi ma ciscuno offre vantaggi e svantaggi. I compliatori infatti hanno il vantaggio di essere più veloci rispetto agli interpreti ma sono più soggetti ad errori degli interpreti.

Capitolo 2: Introduzione al Turbo Pascal

In questa sede ci occuperemo estesamente di un particolare tipo di linguaggio di programmazione compilato,il Turbo Pascal. Il Pascal prende il suo nome dal matematico francese Blaise Pascal che fu il primo ad ideare una macchina calcolatrice :la Pascalina. Questo linguaggio, però fu messo a punnto nel 1960 da Niklaus Wirth, docente all' università di Zurigo. Esso si diffuse dpprima negli ambienti scientifici ma, successivamente , grazie alla sua versatilità ed alla sua semplicità ,si difffuse un po' dappertutto.

Passiamo ora alla parte operativa.

Una volta avviato il TP (Turbo Pascal N.d.A.) si presenterà un' interfaccia a menu abbastanza intuitiva. Compariranno vari menu, ma quelli pricipali sono tre : File , Run , Compile. Il primo è formato da New, per crere un nuovo documento di lavoro; Load , per aprire lavori già salvati; Save , registra un lavoro. Nel menu Compile l' unico comando che ci riguarda è Compile, che compila il programma ( Cfr. Cap.1 ). Spesso può risultare utile conoscere il comando Destination (nel menu Compile) per decidere se compilare il programma nella Ram oppure in un file eseguibile (nome_programma.exe). Una volta compilato il programma, però, dobbiamo eseguirlo, e perciò è necessario selezionare dal menu Run il comando Run.

Capitolo 3 : Struttura generale di un programma

Un programma scritto in TP consta in tre sezioni principali : sezione intestazione , sezione dichiarazioni e sezione esecutiva. Nonostante questi terribili nomi esse sono semplicissima comprensione: nella prima sezione si inserisce il nome del programma, nella seconda sezione vengono digitate le variabili e la loro tipologia , ed infine viene scritto il programma vero e proprio. Per intenderci possiamo fare un banalissimo esempio: possiamo considerare il TP come un teatro in cui si inscena un' opera: il titolo dell' opera e dato dalla sezione delle intestazioni, gli attori che prendono parte all' opera vengono presentati nella sezione dichiarativa, mentre lo svolgimento dello spettacolo è rappresentato dal corpo del programma.

Esistono delle parole, dette riservate, a cui non può essere dato il valore di variabile, esse infatti rappresentano dei comandi che il TP può eseguire. Mi spiego meglio : tornando all' esempio del teatro, non possiamo chiamare un personaggio SIPARIO oppure SCENA ,esse infatti sono parti specifiche del teatro e non possono eesere perciò dei personaggi.

Dopo questa lunga (forse troppo ?) introduzione al TP possiamo passare al capitolo successivo e cominciare ad analizzare le più frequenti parole riservate e a capirne l' uso all' interno di un programma.

Capitolo 4 : Abbozziamo un programma

Ora cominceremo con l' abbozzo di un programmino semplice semplice : calcolare il triplo di un numero dato.

D' ora in poi le parole riservate verranno scritte in maiuscolo

E' da ricordare che alla fine di qualsiasi istruzione bisogna inserire il punto e virgola (;). Anche se non è obbligatorio andare a capo dopo di esso, è preferibile farlo per rendere più agevole la lettura e la comprensione del listato.

Inoltre per inserire un commento che non interferisca con l' esecuzione del programma bisogna inserire il commento tra asterischi, e mettere il tutto tra parentesi tonde. Es.(* Questo è un commento *).

Ecco qui il programma:

PROGRAM doppio; ( * Sezione dell' intestazione * )
VAR n:INTEGER; ( * Sezione delle dichiarazioni *)
begin ( * Corpo del programma *)
writeln(' Questo programma calcola il triplo di un numero dato ');
writeln;
writeln('Introduci un numero intero ');
readln(n);
n:=n*3;
writeln;
writeln(' Il triplo è ' ,n);
writeln;
writeln(' Premi enter per finire');
readln;
end.

Nella parte dichiarativa abbiamo comunicato all' elaboratore che n è una variabile (VAR) che nel corso dell' esecuzione potrà avere soltanto un valore INTEGER , cioè di numero intero positivo o negativo. Esaminando successivamente il listato vedremo che la parte esecutiva è introdotta da BEGIN ( = inizio). Poi troviamo una nuova parola riservata, READLN ( abbreviazione Read Line = leggi riga).Essa serve a leggere i dati di input. La sua sintassi è molto semplice :

READLN(nome variabile da leggere)

Inoltre l' istruzione READLN non seguito da alcun parametro, crea un ciclo di attesa che dura finchè non viene premuto Invio. E' d' obbligo alla fine di un listato, prima dell' END, poichè "congela" lo schermo quando dobbiamo leggere il risultato dell' elaborazione. Ad esempio, se eseguissimo il programma precedente senza READLN finale, non potremmo esaminare i risultati della nostra operazione, perchè il programma si arresterebbe troppo in fretta.

Un altra fondamentale istruzione è WRITELN ( abbreviazione Write Line = scrivi riga); essa serve a stampare i dati di output sullo schermo. La sua sintassi è :

WRITELN('Stringa di testo')

Se consideriamo l' esempio sopra vedremo che il testo tra apici (') verrà stampato sullo schermo; nel caso in cui WRITELN venga usato senza parametri l' elaboratore lascerà una riga vuota nell' elaborazione. Un ulteriore esempio sull'uso di WRITELN:

WRITELN(a)

In questo caso verrà visualizzato sullo schermo il valore assunto in quel momento dalla variabile a. Dunque, se a vale 3, allora sullo schermo uscirà il numero 3. E' possibile anche combinare stringhe e variabili, mettendo una virgola tra il secondo apice e la variabile:

Writeln(' Io sono ',A);

Infine, alla fine del programma (scusate il gioco di parole), troviamo END seguito da un punto.Esso indica la fine del flusso delle informazioni e il conseguente arresto del programma.

Capitolo 5 : I tipi di dati

Come già visto in precedenza, nel settore dichiarativo di un programma bisogna definire il tipo di variabili che intendiamo utilizzare nel corso del programma stesso. Esistono vari tipi di variabili, e sono raggruppate in questo breve specchietto.

Questo schema dimostra come ci siano vari tipi di dichiarazione dei dati. Non è detto, però, che i tipi di dati corrispondano soltanto a cifre; potremmo infatti di fronte a un problema che necessita di dati alfanumerici, cioè di numeri e lettere. In questo caso dovremmo introdurre due nuovi tipi di variabile:

1) STRING[x] : Dichiarando così un tipo di dato assumeremo che quel dato è formato da un numero intero di x caratteri alfanumerici (compresi gli spazi).Usato senza parametri non definisce la lunghezza della stringa. Inoltre nel caso in cui si dichiari una lunghezza minore del dato inserito, l' elaboratore non considererà i cartteri che eccedono. Ad esempio, se dichiarassimo la variabile a di tipo STRING[5] e al momento di inserire i dati digitassimo la parola "folletto" , essa risulterebbe troncata in "folle", poichè i caratteri in eccesso non verrebbero considerati nell' elaborazione.

2) CHAR : E' meno usata di STRING, ma qualche volta può risultare utile. Viene usata per definire variabili da un solo carattere ( eccetto numeri ).

Capitolo 6 : Le strutture dei dati

Questa che andremo ad esaminare ora, è forse la parte più complessa del TP, nonostante ciò, cercherò di renderla semplice poichè è la più utile e contiene le istruzioni più usate. E' stato purtroppo inevitabile, però, non inserire parole piuttosto "difficili" data la specificità dell' argomento.

1-) Le strutture iterative

Il termine iterare deriva dal latino e significa "ripetere". Questa struttura ( che è presente in tutti i linguaggi programmativi, non solo in Pascal, N.d.A.) agisce su una operazione che deve essere ripetuta più volte. Ne esistono vari tipi:

a) Iterazione enumerativa - Come dice la parola stessa esegue un operazione n volte.In Pascal è indicata dal comando:

FOR a=: ni TO nf DO( * Niente punto e virgola * )
istruzione 1;
istruzione ...;
END;


Nel nostro caso ni sostituisce il numero intero dal quale si parte a enumerare e nf sostituisce il numero fino al quale si continua a enumerare. Dopo questa istruzione di iterazione si inseriscono le istruzioni da ripetere racchiudendo il tutto con un END seguito da un punto e virgola (;), poichè il flusso di informazioni non è del tutto terminato. E' possibiile anche procedere a ritroso, contando alla rovescia da un numero n fino ad arrivare ad un numero t:

FOR a:=n DOWNTO t DO

Ecco un semplice esempio:

PROGRAM potenza;
USES crt;
VAR a,b,c,i:INTEGER;
BEGIN
WRITELN('Inserisci un numero');
READLN(A)
WRITELN(' Inserisci esponente ');
READLN(B);
FOR I:= 1 TO b DO
c:=a*a;
END;
WRITELN('Il risultao della potenza è ' ,c);
READLN;
END.


b) Iterazione per falso - Esegue il ciclo racchiuso tra REPEAT e UNTIL
se, e solo se, la condizione espressa da UNTIL è vera, in caso contrario continua a ripetere le istruzioni. REPEAT
istruzione 1;
istruzione 2;
istruzione ...;
UNTIL proposizione;

N.B. Ricorda di inserire proposizioni possibili dopo UNTIL altrimenti l'uscita dal ciclo ripetitivo non si avrà mai! ( in gergo si dice che il computer si "impianta" e bisogna riavviarlo)

Esempio:
PROGRAM ripetizione;
USES crt;
VAR a,b:INTEGER;
BEGIN
REPEAT
WRITELN(' Inserisci un numero minore di 30 e maggiore di 10');
READLN(A);
UNTIL (A<30) AND (A>10);
READLN;
END.

c) Iterazione per vero - Esegue le informazioni racchiuse tra WHILE DO e l' END;( il punto e virgola indica che l' END è parziale ) finché la condizione presa in esame non sia falsa.

WHILE a=3 DO
istruzione 1;
istruzione 2;
istruzione...;
END;

Questo semplice esempio spiega come il blocco di istruzioni presente tra WHILE DO e END; venga ripetuto finché si rispetti la condizione a=3. Nel caso in cui il valore di a fosse stato diverso da 3, infatti, il blocco di istruzioni non sarebbe stato mai eseguito. 2-) Le strutture selettive

A questo punto è lecito domandare se è possibile operare delle scelte con il TP. La risposta è affermativa. Esistono due tipi di selezione: la selezione binaria e la selezione multipla.

a) Selezione binaria - E' la più semplice: se consideriamo un numero naturale qualsiasi e ci domandiamo se esso è pari, la risposta potrà avere solo due alternative: Si oppure No. In Tp c'è la possibilità di eseguire una scelta binaria tra due condizioni con il seguente comando:

IF THEN ELSE

Che tradotto fa più o meno:

SE ALLORA ALTRIMENTI ]

Questo è quanto serve per operare ( o far operare al computer ) una scelta. Per chiarire ulteriormente questo importante processo vedrò di presentarvi un esempio. Costruiamo un programma che calcoli l' area di un rettangolo SE E SOLO SE l' area stessa è minore di un numero n ( per esempio 20) e maggiore di un nuumero m (per esempio 10);

PROGRAM area_rettangolo;
USES crt;
VAR a,b,c:INTEGER;
BEGIN
CLRSCR; ( * E' un nuovo comando.E' l' abbreviazione di CLeaR SCReen=
cancella schermo. Pulisce lo schermo. * )
WRITELN(' Inserisci base');
READLN(a);
WRITELN('Inserisci altezza');
READLN(b);
c:=a*b;
IF (c<20) AND (c>10) THEN ( * AND , insieme a OR sono gli operatori
booleani più usati in TP. Per approfondimenti
consultare l' appendice C * )
BEGIN
WRITELN('Area maggiore di 20 oppure minore di 10.');
READLN;
END ( * L' END prima dell' ELSE senza punto e virgola(;) * )
ELSE
BEGIN
WRITELN(' AREA = ',c);
READLN;
END;
READLN;
END.

E' un listato semplice, e l' unica osservazione da fare è che se dopo IF...THEN c'è solo un istruzione può essere scritta terminando il tutto con il solito punto e virgola(;). Tuttavia , se ce ne sono più di una è necessario aprire un altro BEGIN e cominciare un sottoprogramma il quale, però va terminato con l' END; che, se seguito da ELSE non accetta il punto e virgola(;).

b) Selezione multipla - Se domandiamo ad una persona quali sono i piatti che preferisce essa sceglierà fra un' ampia gamma di pietanze fino a scegliere quella che soddisfi i suoi gusti. Infatti, al contrario di prima,la selezione multipla ci fornisce illimitate possibilità di risposta. Il comando che in TP ci permette di operare un selezione multipla è il seguente:

CASE n of
( * Se n è stata dichiarata INTEGER * )
valore 1:BEGIN
istruzione1;
istruuzione2;
istruzione...
END;
( * Se n è stata dichiarata CHAR * )
valore x:BEGIN
istruzione1;
istruzione2;
istruzione...;
END;
ELSE
BEGIN
istruxione 1;
istruzione2;
istruzione...;
END;
END;


Nonostante la sua sintassi spaventosamente ricca, questa struttura è di facilissima comprensione. Innanzitutto dobbiamo decidere se dichiarare la variabile n come tipo INTEGER oppure CHAR. Se n è CHAR dovremo usare UNA lettera seguita dai due punti(:) e dal rispettivo sottoprogramma delimitato da BEGIN e END; . Se invece n è INTEGER dovremo usare un numero naturale al posto di n e mettere dopo i due punti(:) il solito sottoprogramma delimitato da BEGIN e END; . Proviamo ora con un' esempio: un programma che generi un numero a caso tra 1 e 10 e lo comunichi all' operatore solo se esso è uguale a 7, 9 o 3.

PROGRAM numeri_casuali;
USES crt;
VAR a,b,c:INTEGER;
BEGIN
CLRSCR;
RANDOMIZE; ( * Inizializza,ossia azzera il generatore di numeri casuali * )
c:=RANDOM(10); ( * Questo comando permette all' elaboratore di generare un numero a caso compreso tra 0 e il numero indicato in parentesi. Il massimo consentito è 255 * )
CASE c OF
7:BEGIN
WRITELN(' Il numero è ',c);
END;
9:BEGIN
WRITELN(' Il numero è ',c);
END;
3:BEGIN
WRITELN(' Il numero è ',c);
END;
ELSE
BEGIN
WRITELN(' Il numero uscito è diverso da 3 7 e 9);
END;
END;

Anche se con questo ultimo esempio abbiamo terminato il capitolo riguardante le strutture dei dati al lettore potrebbe sembrare che quelle poche strutture analizzate debbano esssere affiancate da molte altre per costruire un programma relativamente complesso, e invece secondo il teorema di Bohm - Jacopini : "Le tre strutture matematiche che servono per creare un qualsiasi programma sono: iterative, selettive e sequenziali." Le strutture sequenziali sono le più lineari, poichè il flusso di dati scorre senza ripetizioni né selezioni che abbiamo utilizzato tranquillamente nel primo programma( quello del triplo di un numero ) senza saperlo.

Capitolo 7: Le procedure

Spesso, soprattutto in programmi complessi e piuttosto elaborati, ci troviamo dinanzi al problema di ripetere uno stesso procedimento più volte all'interno dello stesso programma. La soluzione a questo problema è data dal fatto che possiamo memorizzare una procedura e ripeterla a piacimento durante la stesura del programma. Questa utilissima funzione ha la seguente sintassi:

PROCEDURE nomeprocedura;
BEGIN
blocco istruzioni
....
....
END;

E' importante dire che i precedenti comandi devono essere digitati tra il settore dichiarativo e il corpo del programma (per intenderci, prima del BEGIN iniziale). Per richiamare una procedura durante il programma bisogna digitare il nome della procedura seguito da un punto e virgola(;).

Esempio: Modificare il programma precedente inserendo una procedura.

PROGRAM numeri_casuali;
USES crt;
VAR a,b,c:INTEGER;
PROCEDURE output; ( * Qualsiasi nome va bene * )
BEGIN
WRITELN(' Il numero estratto è ',c);
READLN;
END;
BEGIN
CLRSCR;
RANDOMIZE;
c:=RANDOM(10); ( * Questo comando permette all' elaboratore di generare un numero a caso compreso tra 0 e il numero indicato in parentesi. Il massimo consentito è 255 * )
CASE c OF
7:BEGIN
output;
END;
9:BEGIN
output;
END;
3:BEGIN
output;
END;
ELSE
BEGIN
WRITELN(' Il numero uscito è diverso da 3 7 e 9);
END;
END;


In questo caso una procedura è addirittura una perdita di tempo poichè le istruzioni da riscrivere sono poche ma in casi più complessi fanno risparmiare tempo e fatica.

A P P E N D I C E A GLI ERRORI DEL TP

Spesso (fin troppo spesso), nella digitazione del programma è probabile che siano presenti errori: mancato punto e virgola(;) alla fine di un istruzione, valore alfanumerico dato ad una variabile numerica, ecc. Per correggerli il TP , al momento della compilazione, mostra in alto dei messaggi di errore che, malauguratamente per chi non lo conosce, sono in inglese! Qui di seguito c'è una brevissima guida su come correggere gli errori più comuni: N.B. Nel caso in cui l' errore non sia presente nella tabella, con un buon vocabolario di inglese si può tentare di capire l' origine dell' errore e quindi correggerlo.

1) Out of memory : Il compilatore non ha abbastanza memoria per eseguire o compilare il programma. Provare a cambiare destinazione del codice eseguibile. (Vedi Capitolo1)

2) Unknown identifier : Identificatore sconosciuto. Non abbiamo dichiarato una variabile.

3) Duplicate identifier: Identificatore duplicato. Due variabili identiche. Cambiarne una.

4) Syntax error: E' sbagilata la sintassi di un istruzione.

5) Type mismatch: Si è dichiarata una variabile diversamente da come si è considerata. Ad esempio si è caricato il valore 1 in una variabile di tipo CHAR;

6) String constant exceeds lines: Si è dimenticato di mettere la stringa di testo fra apici.

7) Unespected end of file: Il numero dei BEGIN non coincide col numero degli END. Verificarli.

A P P E N D I C E B

Di seguito troverete dei comandi che potrebbero tornare utili in qualche programmino.

1) TEXTCOLOR(n)= Colora il testo che segue di un colore definito da n che è un numero da 0 a 15. I numeri maggiori di quindici producono un effetto lampeggiante. Ecco gli abbinamenti numeri-colori.

2) TEXTBACKGROUND(n)= Colora lo sfondo d un colore definito da n. Sintassi simile a TEXTCOLOR.

3) ABS(x) = Calcola il valore assoluto del numero x;

4) SQRT(x) = Calcola la radice quadrata di x;

5) DELAY(n) = Crea un ciclo di attesa lungo n ( miliisecondi)

A P P E N D I C E C Gli operatori booleani e i segni di operazione:

Come già visto in precedenza spesso in TP ci serviamo di operatori quali AND oppure OR ( letteralmente 'e' ed 'o'). Essi , introdotti dal matematico inglese George Boole, servono a congiungere due proposizioni. Ora mi spiego meglio. Prendiamo l' esempio fatto nelllo spiegare l'iterazione per falso : l' operatore AND infatti serve a dettare più di una condizione e farla avverare solo se entrambi sono soddisfatte. Se inserissimo il numero 7 ad esempio, l' elaboretore ci ripeterà la "domanda", poichè il numero inserito, non soddifa le due condizioni: " il numero deve essere minore di 30 e maggiore di 10 ".

I segni di operazione in TP , sono i seguenti:

+ = ADDIZIONE
- = SOTTRAZIONE
* = MOLTIPLICAZIONE
/ = DIVISIONE
MOD = RESTO DELLA DIVISIONE ( MOD può essere usato soltanto se i numeri da dividere sono di tipo INTEGER )

Inoltre per indicare il rapporto fra due cifre ci serviuamo dei seguenti simboli matematici :

< = MINORE
> = MAGGIORE
= = UGUALE
'=>'= MAGGIORE O UGUALE
<== MINORE O UGUALE
<> = DIVERSO DA ...

Realizzata da Luigino



[Indietro]    [Su]      [Home]      [Commenti]      [V. Stampabile]

Commento di Anonimo, scritto il 22/12/2003 alle 08:24:18
fa propri schifo questo manuale

Commento di Samuel Zilli, scritto il 22/12/2003 alle 12:44:56
Vi preghiamo come sempre di registrarvi per scrivere i commenti, o almeno firmarvi nel commento stesso. Comunque siamo aperti ai suggerimenti, se gradisce inviarci modifiche che ritiene valide a questo articolo. Se invece il problema è che la guida (di taglio molto introduttivo come è evidenziato) non le è stata sufficientemente chiara per l'apprendimento, esprima liberamente qui i suoi dubbi in modo che qualcuno la possa aiutare.

Commento di Anonimo, scritto il 11/02/2004 alle 13:19:54
ma gli archivi??? ve li siete mangiati??? io devo fare un compito in classe lunedì! vi sembra giusto? certe stronzate ke avete scritto le sanno tutti... un pò di professionalità!!! uffa!!!!

Commento di Samuel Zilli, scritto il 12/02/2004 alle 10:32:04
Se per "archivi" intendi l'utilizzo dei files in Pascal, allora non sono stati "mangiati", semplicemente non rientravano nella guida di primo livello. Non c'era certamente la pretesa di scrivere un intero manuale di Pascal. Per l'utilizzo dei files puoi provare a cercare nell'help le voci "open", "write", "read", "close", "assign", ecc. Se comunque le cose scritte gia' le sapevi bastava evitare di leggerle, a qualcuno potrebbero comunque essere utili. Mancanza di professionalita' sarebbe stata pensare di poter scrivere un manuale completo in una sola pagina...

Commento di Anonimo, scritto il 12/02/2004 alle 16:44:01
ba ba ba

Commento di Anonimo, scritto il 17/02/2004 alle 11:56:25
per archivi intendo strtture dati in pascal...potevi usare anche più di una pagina.. comunque mi scuso per il tono ma ero veramente agitata perchè non trovavo appunti di nessun tipo.. il compito l'ho fatto lo stesso... grazie per il suggerimento, consulterò ciò che mi hai consigliato. il commento 12/02/2004 dell'anonimo non sono io. Luhna

Commento di Samuel Zilli, scritto il 17/02/2004 alle 18:35:43
Per le strutture dati del Pascal ti consiglio di dare un'occhio all'help (abbastanza ben fatto) per le parole chiave "array" (vettore), "record" (struttura composta), "file" (per salvare i dati su disco), e via dicendo. Il formato di articolo su piu' pagine in genere lo riserviamo solo alle recensioni. PS: se ti registri non ci saranno problemi a riconoscere i tuoi commenti ;-)

Commento di Anonimo, scritto il 18/02/2004 alle 11:52:45
pigliato o gulo

Commento di Anonimo, scritto il 18/02/2004 alle 23:27:00
Commento di : Anonimo, scritto il 18/02/2004 alle 11:52:45 pigliato o gulo ---------------- Pensavo di trovare dei commenti di persone intelligenti e invece... :)

Commento di Anonimo, scritto il 28/03/2004 alle 18:50:45
ne ho visti di meglio ciao

Commento di Anonimo, scritto il 28/03/2004 alle 18:51:15
st***do

Commento di Anonimo, scritto il 28/03/2004 alle 18:51:59
dani

Commento di Anonimo, scritto il 29/03/2004 alle 22:58:10
Abbastanza ben fatto x i primi approcci..complimenti :) Sai x caso un sito dove poter apprendere i comandi sui file? Grazie mille...ciao ciao Luca

Commento di Anonimo, scritto il 20/04/2004 alle 17:45:23
ciao, carino il manuale...ascolta io avrei un problema: non riesco a stampare i miei programmi nel computer di casa, a scuola utilizzo il delphi ma a casa non ce l'ho...mi hanno detto che devo digitare un codice nel SETUP PRINTER (lpc1)ma non mi va.Tu che sei un pò più esperto e competente di me, potresti aiutarmi? ciao ciao *Sara*

Commento di Anonimo, scritto il 24/04/2004 alle 01:18:25
grazie a questo manuale ho imparato a programmare in pascal.

Commento di Stefano Zilli, scritto il 28/04/2004 alle 16:23:45
Per stampare i programmi intendi "far stampare qualcosa da programma" o "stampare il listato del programma"? Nel primo caso la cosa e' un po' complicato (in special modo se vuoi stampare in grafica), nel secondo baste che apri il listato da windows con il blocco note (o un editor di testo a tua scelta) e stampi...

Commento di Samuel Zilli, scritto il 28/04/2004 alle 16:47:25
Per stampare direttamente dal Turbo Pascal, probabilmente ti basta abilitare l'opzione per stampe dirette da DOS dalle proprieta' della stampante in Windows.

Commento di Samuel Zilli, scritto il 28/04/2004 alle 17:07:26
Ulteriori risorse per il Pascal le trovate a http://www.geocities.com/~franzglaser/tp.html oppure con Google !

Commento di Anonimo, scritto il 20/05/2004 alle 16:54:56
a me son state utile le Vostre guide

Commento di Anonimo, scritto il 21/05/2004 alle 16:50:16
il programma potenza a me non funza --->se metto END; mi da errore di sintassi allora io ho compilato codesto programma prendendo spunto dal vostro rrisultato?é venuto fuori un prog che mi esegue moltiplicazioni non elevamenti a potenza...nel caso vi servisse

Commento di Anonimo, scritto il 30/07/2004 alle 19:28:43
dove posso trovare pascal???

Commento di Anonimo, scritto il 12/08/2004 alle 13:56:15
Segnalazione errori e/o imprecisioni e/o mancanze della guida: 1. Con TP i commenti si possono inserire sia come indicato nella guida, cioè (*commento*), ma anche {commento}. 2. Altri tipi numerici (interi) di variabili sono: "ShortInt" e "LongInt" rispettivamente a 8 e 32 bit. 3. Random non ha massimo di tipo byte (255) come segnalato, ma di tipo Word (65535). 4. Specie con versioni obsolete di TP può dare qualche problema il ";" al termine della penultima linea del programma. Quindi prima dell'istruzione "end." è consigliabile omettere il ";". Ciao.

Commento di Anonimo, scritto il 12/08/2004 alle 13:59:18
Ancora una segnalazione: Sarebbe opportuno, specie in una guida entry-level come questa ribadire la necessità di scrivere un programma ordinato!!! E quindi mettere le istruzioni non una dopo l'altra ma con gli allineamenti a margine.

Commento di Anonimo, scritto il 27/08/2004 alle 13:09:24
qualcuno mi può spiegare a cosa serve lo "Uses crt"? per il resto ho trovato una buona descrizione!

Commento di Anonimo, scritto il 31/08/2004 alle 09:37:52
ci sono veramente tanti errori nei codici di esempio, ma me la sono cavata comunque

Commento di Samuel Zilli, scritto il 21/10/2004 alle 10:55:48
Il programma Potenza in effetti è sbagliato, manca un BEGIN subito sotto al FOR, inoltre prima del FOR bisogna inserire l'istruzione C:=1; e dentro il ciclo modificare l'istruzione in C:=C*A; e così dovrebbe funzionare. Purtroppo alcuni di questi codici sono stati trascritti con evidenti errori di battitura.

Commento di Samuel Zilli, scritto il 21/10/2004 alle 11:01:48
Riguardo le segnalazioni di Anonimo, scritto il 12/08/2004, confermiamo tutto, aggiungengo che per i commenti su molte tastiere le parentesi graffe non ci sono (ecco perchè si è usata l'altra sintassi), ma si ottengono con la combinazione ALT+codici. Per i vari tipi numerici dovrebbe bastare consultare l'help di integer e real per trovare i tipi alternativi. Per quanto riguarda la sintassi, la struttura di generazione automatica degli articoli di AZPoint rende difficile ottenere qui una sintassi ottimale con spazi e tabulazioni, ma condividiamo la necessità dei rientri di tabulazione dopo le istruzioni IF, ELSE, FOR, WHILE, BEGIN, ecc.

Commento di Samuel Zilli, scritto il 21/10/2004 alle 11:03:10
Uses CRT indica al compilatore di utilizzare le procedure "pronte" contenute nella unit CRT, specifica per la gestione dello schermo in modalità testuale. Per maggiorni informazioni fai l'help su UNIT e su CRT.

Commento di Samuel Zilli, scritto il 21/10/2004 alle 11:05:37
Per quanto riguarda gli errori di codice e di sintassi, la guida è stata scritta da un collaboratore mentre stava effettivamente imparando il Pascal, che ha deciso di condividere la propria esperienza con tutti. Ci scusiamo quindi per non aver effettuato una migliore revisione dell'articolo prima della pubblicazione. Ma va da sè che ogni errore trovato e corretto da voi vi aiuterà ad imparare molto più che copiando semplicemente un listato pronto :-)

Commento di Anonimo (ip: 82.51.117.103), scritto il 16/12/2004 alle 20:46:14
seeeeeeeeeeeeee mah che guida inutile

Commento di Anonimo (ip: 62.11.158.254), scritto il 30/01/2005 alle 16:57:36
per aprire un file in formato .exe ma sritto in turbo pascal7 come si può fare???

Commento di Anonimo (ip: 80.182.54.77), scritto il 30/01/2005 alle 17:13:16
se dall'eseguibile intendi ricavare il listato non è possibile.... Vi invito anche a postare sul forum per domande.

Commento di Anonimo (ip: 82.53.124.121), scritto il 02/02/2005 alle 16:53:17
REDHAT: il professionista

Lui Linux lo usa per lavoro. Non ha tempo da perdere in sciocchezze. Ha
bisogno di cose pratiche e di nomi solidi. Quando va dal cliente ha
bisogno che quando dice la parola Linux, questo si illumini di gioa.
Allora per essere sicuro gli abbiana un marchio noto, che snocciala tra
un IBM da una parte e un Microsoft dall'altra.

Non ha alcun timore di mischiare sacro e profano, perché l'Open Source è
una cosa seria, da professionisti quale lui è. Prima ogni tanto piratava
Windows, perché Bill Gates è già abbastanza ricco. Ma ora ha trovato un
modo per evitarsi preoccupazioni, e visto che è gratis e si può
installare al cliente senza rogne, alleluia!

Quando RedHat ha splittato tra Fedora e RedHatEnterprise è stato preso
dal panico: e ora al cliente che gli dico? E ha cominciato a guardarsi
in giro cosa comprare e a pregare che RedHat ci ripensasse. Ok, non
aveva mai speso una lira per comprare le scatole RedHat, ma lui è un
professionista, deve guadagnare.

Poi finalmente ha capito. Visto che il cliente ha bisogno di pagare,
facciamolo pagare di più e diamogli RedHat Enterprise. Mica gli può dare
Fedora, che il cliente dice "e che è?" e per di più non è stabile. E ha
ripreso le buone vecchie abitudini, e ha cominciato a piratare Redhat
Enterprise. E che cavolo, se lo meritano! Questi vogliono speculare pure
su Linux che è gratis!

DEBIAN: il militante

Per lui Linux è una missione. E' stato illuminato sulla via di Damasco
quando ha scoperto che quel pacchetto che gli piaceva tanto e che non
riusciva a compilare in nessun modo (non non è tanto pratico con il C),
si trovava precompilato SOLO nella Debian.

Quando si è girato il sito della debian, è rimasto senza parole dalla
gioia da scoprendo quanto cose UTILI ci fossero. Pensa, ha perfino
trovato una COMPLETISSIMA sezione dedicata ai text editor! Debian è
l'unica ad averla. Pui scegliere tra fte, lpe, ne, qe e perfino sam e
sex! I suoi amici cambiano spesso lo swatch; lui, che è un vero geek,
cambia editor ogni settimana.

Agli amici spiega che solo debian ti permette di fare apt-get e
installare al volo quello che ti serve. Gli altri non hanno ancora
niente del genre. Yum? Non scherziamo! Ok, ci mette due ore a scoprire
il nome del pacchetto, e quando lo scarichi è sempre quello di tre anni
fa, ma è giusto così: Debian è roccia solida, e quindi non può mettere
le cose dell'ultimo momento. E poi Debian è anche equa e solidale:
distigue tra free e non free, tra stable, testing e unstable. Ed è
assolutamente evidente la differenza!

Se vuoi i pezzi non-free o unstable, li puoi prendere, ma li devi
prendere a parte. Che importa se non la documentazione sta da un'altra
parte o non c'è proprio! Se non c'è e' perche' e' proprietaria. E'
giusto che i pacchetti del kernel siano 375, così puoi scegliere il
kernel giusto che fa per te. La possibilità di scelta è una conquista!
Se non sai quale prendere, e se scegli a caso poi non ti fa mai nemmeno
il boot il sistema, è un tuo problema! La Debian promouve la conoscenza,
è didattica.

Ed è perfettamente giusto che Java sia soggetta a una policy apposita
per controllare la sua inclusione! Java è proprietario, è un bestia
orrenda che va controllata accuratamente che non si espanda, e il suo
uso va controllato, molto attentamente. La Debian dovrebbe proibire di
default quel sistema proprietario. Non lo fa solo perché è democratica.

MANDRAKE: il casalingo

Per lui Linux è la nuova versione di Windows. Lui è sempre stato un
appassionato di informatica. Da piccolo aveva il commodore 64. Poi ha
fatto l'upgrade all'Amiga (beeeeelli i giochi dell'amiga), poi è passato
al PC (che vuoi, la contabilità era per il DOS). Poi ha preso il
Windows, il 3.1, poi il 98 e ultimamente l'XP. Adesso ha deciso di
passare a Linux.

Ma prima si è provato prima l'OpenOffice con Windows. Gli mancava un po'
la graffettina animata ma che vuoi, mica si può pretendere tutto. Si è
comprato tutti i libri di OpenOffice e ha imparato a passare dal foglio
elettronico al word processor. Gli è piaciuto: scrive proprio bene, e si
riesce perfino a mettere il grassetto e il corsivo, proprio come Word.
E' UGUALE!!!

Ora è pronto per Linux, a seguito le istruzioni, ha inserito il cd e ha
riavviato. Per fortuna è partita l'installazione, l'ultima volta che
aveva provato a premere "F2" al boot ha dovuto riportare il computer al
negozio. Quando il sistema gli ha detto che avrebbe perso tutti i dati
ha cercato di ricordare che dati ci fossero, e non gli è ne è venuto in
mente nessuno, e quindi ha detto di sì.

E' rimasto affascinato dal vedere che grafica accattivante avesse
l'installatore, ha goduto di tutti i messaggi, non ha capito gran parte
delle cose che avvenivano, ma erano tutte molto, molto interessanti.
Quando è partito KDE era fiero di se! Ci è riuscito, e tutti dicevano
che era difficile!!! ha cominciato ad aprire le finestre una dopo
l'altra per vedersi tutti i programmi. Quando le applicazioni hanno
cominciato a rallentare e a crashare, e il disco a swappare e frullare,
si è sentito felice, a casa sua.

Dopo di che ha telefonato a tutti gli amici per raccontare la sua
esperienza fantastica con Mandrake, della splendida interfaccia utente,
della facilità di uso, e per chiedergli di ridargli il loro indirizzo di
email. Il negoziante, quando ha reinstallato Windows, gli ha detto che
probabilmente a cancellare tutto dal disco è stato un virus.

GENTOO: l'innovatore

Hai analizzato a fondo il problema delle distribuzioni Linux e hai
capito che semplicemente non sfruttano a fondo le opportunità offerte
dal linux e dall'open source. Hai capito il concept di distribuzione
sorgente e l'hai fatto tuo. Hai quindi deciso che la policy aziendale
deve dare la massima libertà di costruirti il sistema come vuoi tu. E
quindi hai adottato ufficialmente la Gentoo come standard interna. Ok,
ancora non l'hai installata, ma è un dettaglio.

Hai quindi l'installazione della distribuzione, agendo da esperto
riconosciuto quale tu sei. Alla sesta volta che ricominciavi, hai
stampato i manuali e hai comoinciato a seguire passo passo COME C'E'
SCRITTO, invece di fare di testa tua. Ok, sei esperto, ma non puoi
ricordarti sempre tutto! E poi c'è sempre da imparare.

Nel frattempo hai fatto causa alla telecom perché non ti hanno ancora
dato l'ADSL a 1,2 Mbit, asserendo che i loro ritardi ti danneggiano
professionalmente impedendoti di lavorare. Per evitare problemi comunque
hai imparato a usare "--pretend" per controllare cosa INSTALLEREBBE il
sistema, e a evitare che quando installi nmap, ti scarica anche TUTTO
XWINDOWS e TUTTO GNOME... è logico, se installi il front-end grafico...

Per il momento leggi la posta da mutt. L'installazione di evolution
dovrebbe completarsi a breve, infatti sta andando da due settimane.
Questa dovrebbe essere la volta buona, le altre 3 volte è fallita per
motivi del tutto OVVI, ma che vuoi eri distratto, non ci hai pensato.
Era perfettamente logico che se installavi syslog-ng come sistema,
avrebbe anche richiesto la nuova versione di fam, che avrebbe fatto
installare la versione più recente di orbit, e ovviamente la
compilazione di evolution fallisce perché ci vuole l'orbit della
versione precedente. Così hai masked alcui pacchetti, installato la
dobbia versione, forzato manualmente da disintallazione dell'altro
pacchetto e riavviato la compilazione. Come dici, i pacchetti binari? Ma
che la usiamo a fare allora, la Gentoo! Non scherziamo sulle cose serie...

Domani hai l'installazione del nuovo firewall. Tu terrai duro con il
cliente per ottenere che ti paghi TRE SETTIMANE per l'installazione, ma
per sicurezza, se proprio il cliente pretendesse a tutti costi che si
faccia in un giorno, ti porti dietro una di quelle schifose vecchie
distro binarie. E che cavolo! Se proprio vuole un sistema non
ottimizzato, peggio per lui...

SLACKWARE: il conservatore

Usa Linux da sempre. Era ancora all'università quando è comparso Linux e
la Slackware, e lui è uno di quelli che si ricorda ancora oggi quando
Linux si installava dai dischetti. Veramente all'università c'è ancora
(solo altri 18 esami alla tesi) ma che vuoi, è un tipo che si affeziona
alle situazioni. Non dice in giro che ancora usa il kernel 1.x ma sono
cose che non si dicono, perché la gente non capisce. Ma la cosa
importante è che il sistema sia solido, e che funzioni.

E poi lui è uno che non ama molto i cambiamenti: il suo 386 va ancora
benissimo, perché dovrebbe cambiare? Un giorno installerà XWindows, ha
ancora i dischetti della serie X, tra le ragnatele dello sgabuzzino, e
forse potrà provare finalmente quel windows manager di cui dicono
meraviglie, come si chiama, l'fvwm2 mi pare. Comunque ancora non ha
finito il porting dei suoi programmi del Commodore 64 a Linux, sta
traducendo l'assembler del 6502 al quello del 386, e la VGA va
benissimo. Un giorno comprerà una SVGA ma ancora ci vorranno un paio di
anni prima che finisca il lavoro, e quindi non ha fretta...

TRUSTIX: il poliziotto

Giovanni, una distribuzione Linux server deve essere innanzitutto
SICURA! Non puoi mettere su Internet un sistema che non sia
assolutamente sicuro, e quindi bisogna prendere le giuste precauzioni.

Quando installi il sistema, per l'amor di Dio, fai l'installazione
minima assoluta! Dopo di chè ci sono ancora su 30 Mb di monnezza
brulicante di worm e buchi. Quindi disinstalla portmap, nfs e tutte le
librerie grafiche,e riducilo AL MASSIMO a 10Mb, che è anche troppo.

E fai l'installazione STACCATO DALLA RETE, poi attiva il firewall, prima
di collegarlo. Non ti sognare nemmeno di autorizzare l'ssh con password!
O il certificato, o niente. E non mettere nessuno nel gruppo root. Come
dici? Allora cosa serve l'account di root se non puoi loggarti da
remoto? E certo che non puoi, sennò gli hacker si possono loggare pure
loro. La sicurezza innanzitutto.

Ah per l'account utente, metti il chroot con jail, così l'utente che si
logga da remoto vede solo la sua directory, ma già che ci sei è meglio
che disattivi pure la password a questo account. E il web server? Sei
matto mettere il web server SUL SERVER??? Mai sentito parlare del bug
del chunked http? Così ti entrano da remoto quando gli pare. Ci metti
un'altra Trustix dietro e fai la redirezione delle porte al Web server
che sta dietro. E tieni aggiornato il web server ogni giorno.

Come dici? Come fai ad aggiornare il sistema se non ti puoi loggare come
root, se non puoi entrare come utente normale, perché l'utente normale è
chrooted, non ha la password e non può diventare root, e hai pure
disattivato l'ssh e messo il firewall sulla porta 22, e hai spostato il
web server nella macchina dietro dove c'è la stessa situazione?
Non riesci ad andare ogni giorno alla server farm sotto il gran sasso?
Come sarebbe a dire che mi stai telefonando da lì? Ti hanno fermato
perché è scaduto il tesserino e ti hanno rinchiuso nella cella perché
dicono che sei un hacker? Perché urli? La corrente elettrica? Vogliono
che gli dici dove sono i tuoi amici, quelli che stanno preparando
l'attentato? Pronto? Pronto! Pronto...


SUSE : la commerciale ;-P

Commento di Anonimo (ip: 82.53.124.121), scritto il 02/02/2005 alle 16:57:00
imparatevi il c per iniziare; io lo ho imparato a 13 anni ; il pascal ormai nn si usa più e io conosco qesti linguaggi , i più utili in assoluto

c
c++
visual basic
java
phiton
html
e sto imparando il matlab

lasciate stare il pascal e soprattutto capite ke nncc'è bisogno di fare scuole strane o università per imparare a programmare

Commento di Samuel Zilli, scritto il 02/02/2005 alle 23:15:50
Beh, il Pascal è un ottimo linguaggio per avvicinarsi ai "concetti" che stanno alla base della programmazione (qualunque sia il linguaggio).
Dopo aver preso un po' di confidenza con il Pascal, concordo con te che vale la pena orientarsi su linguaggi come C++ (o C#) e Java, dato che il Pascal non è più utilizzato nel mondo del lavoro, e anche Delphi è in "minoranza".

Per quanto riguarda l'università, questa certo non insegna a programmare, ma insegna ben altro. Per imparare a programmare basta fare alle superiori ragioneria programmatori o perito informatico, oppure si può benissimo imparare da soli, magari aiutandosi con un buon testo.

Commento di Anonimo (ip: 151.29.85.1), scritto il 08/02/2005 alle 00:55:31
impossibile caricare i caratteri di sistema

Commento di Anonimo (ip: 80.105.50.231), scritto il 21/02/2005 alle 10:16:20
VECCIO TE SI MASSA UN NETTO.....!

Commento di Anonimo (ip: 81.211.180.23), scritto il 20/03/2005 alle 16:54:09
Caro Samuel Zilli,
sono uno studente che ha bisogno di trovare un sito da cui prelevare il linguaggio Pascal. Sai per caso dove trovarlo?
P.S. Non ho molto tempo a disposizione, quindi appena leggi questo messaggio rispondi, grazie.

Commento di Samuel Zilli, scritto il 21/03/2005 alle 08:51:49
http://www.azpoint.net/news/Manualistica_4420.asp

Commento di Anonimo (ip: 85.35.243.210), scritto il 22/04/2005 alle 12:41:40
w pascal...

Commento di Anonimo (ip: 82.90.109.160), scritto il 18/05/2005 alle 15:55:31
come si fa a installare pascal sul mio computer?

Commento di Anonimo (ip: 82.90.109.160), scritto il 18/05/2005 alle 15:56:59
bellissimo pascal...solo che per far i calcoli faccio più presto a farli conla calcolatrice comunque bello ciaooooooooo

Commento di Samuel Zilli, scritto il 18/05/2005 alle 17:12:34
Ma Pascal è un linguaggio di programmazione, serve a costruire programmi più o meno complessi, mica per fare una semplice operazione matematica!
Ti credo che fai prima a farla con la calcolatrice... è come dire che l'automobile è bella ma il divano è più comodo per starsene seduti a guardare la TV!

Commento di Anonimo (ip: 80.183.96.227), scritto il 24/05/2005 alle 16:54:27
davvero bello come manuale, per noi alle prime armi eccezzionale

Commento di Anonimo (ip: 80.207.147.82), scritto il 24/09/2005 alle 10:58:06
BUBUANANBABééRFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFPRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR ._.

Commento di Anonimo (ip: 82.50.100.194), scritto il 05/10/2005 alle 17:10:26
ciao

Commento di Anonimo (ip: 83.176.92.165), scritto il 17/10/2005 alle 15:26:36
Commento di : Anonimo (ip: 82.53.124.121), scritto il 02/02/2005 alle 16:57:00
imparatevi il c per iniziare; io lo ho imparato a 13 anni ; il pascal ormai nn si usa più e io conosco qesti linguaggi , i più utili in assoluto

c
c++
visual basic
java
phiton
html
e sto imparando il matlab

lasciate stare il pascal e soprattutto capite ke nncc'è bisogno di fare scuole strane o università per imparare a programmare

io lo ho imparato a 13 anni
ke sborone...

Commento di Anonimo (ip: 151.44.43.165), scritto il 19/10/2005 alle 12:35:07
"Commento di : Anonimo, scritto il 22/12/2003 alle 08:24:18
fa propri schifo questo manuale "
FA MENO SCHIFO DI COME SCRIVI TU!!! ANONIMO

Commento di Anonimo (ip: 82.49.62.158), scritto il 29/10/2005 alle 14:09:30
nn riesco ad installare turbo pascal sul mio computer,qualcuno mi può aiutare?

Commento di Anonimo (ip: 82.104.85.45), scritto il 07/11/2005 alle 11:07:49
Ciao Samuel sto facendo un program in pascal coi file, ma x qualke strano motivo i dati nn vengono salvati... sapresti darmi dei consigli??? GsP

Commento di Anonimo (ip: 82.55.142.218), scritto il 07/11/2005 alle 15:44:30
E' vero, con il pascal non si possono creare chissa' quali programmi, io sono daccordo con chi pensa che il pascal non sia fondamentale, ma per quelli che sono alle prime armi penso che una studiatina di questo linguaggio almeni per un po di tempo fa molto ma molto bene, basta non voler approfondire troppo, cioè on-line ci sono tanti programmi come per esempio quello del pac-man che sono fattibili ma richiedono troppi fronzoli quindi io consiglio di non fare cose troppo complicate con il pascal perchè sarà una specie di lavoro sprecato, conservate la voglia di programmare per i linguaggi che studierete dopo, vedrete che svilupperete cosi molto più interessanti.

Commento di Anonimo (ip: 151.44.68.202), scritto il 12/11/2005 alle 00:05:38
vogli chiarimenti per quanto riguarda il random per favore datemi qualche spiegazione

Commento di Anonimo (ip: 82.51.91.73), scritto il 15/11/2005 alle 19:04:08
chi ha il turbo pascal per windows

Commento di Anonimo (ip: 82.104.85.45), scritto il 17/11/2005 alle 09:26:31
Come si può tornare alla schermata precedente di un programma scritto in pascal????

Commento di Anonimo (ip: 82.104.85.45), scritto il 17/11/2005 alle 11:33:04
per qnt riguarda il random devi assegnare ad una variabile il random e scritto tra parentesi tonde il valore ex A:= random(5000) e lui prenderà a caso un valore da 0 a 5000

Commento di Anonimo (ip: 81.74.115.39), scritto il 21/11/2005 alle 15:16:48
Chi mi può spiegare l'appoggio, oppure consigliarmi un sito dove lo spiega..?????
Bagarul

Commento di Anonimo (ip: 81.74.115.39), scritto il 21/11/2005 alle 15:18:22
rispondete....
Bagarul

Commento di Anonimo (ip: 151.46.20.204), scritto il 21/11/2005 alle 21:53:40
A me piace questo manuale ...

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 26/11/2005 alle 08:52:19
BRUTTO MA ACCETTABBBBILE

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:16:37
Betti pensa fa schifo u

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:16:43
Betti pensa fa schifo u

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:19:16
betti talpa!!!!!!!!!!!!!!

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:19:23
Gereb e Picchio

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:20:14
Rubens rosseggiante!!!!!!!!

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:20:36
ciao

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:25:20
gereb+pikkio forever a samanà

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:26:20
a samanà pikkio fa un bambino con gerebino

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:38:53
gereb=grinch

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:39:56
Beppe perde la dignità anche se non ce l'ha... ciao beppe.

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/11/2005 alle 08:41:23
BUBEUS HAGRID

Commento di Anonimo (ip: 82.54.187.252), scritto il 02/12/2005 alle 16:33:42
se trovate per sbaglio qualcosa di giusto in questo manuale fate 1 fischio. ho provato ad eseguire alcuni programmini, ma ce ne fosse 1 ke funzia!!!!!!!!
il manuale è lento, i commenti sono rock!

Commento di Anonimo (ip: 82.54.187.252), scritto il 02/12/2005 alle 16:42:33
ciaoooooooooooooooo

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 03/12/2005 alle 08:18:29
catone, come detto, era il censore di roma. in quanto censore contava (??) prof nn so niente, non prendiamoci in giro...vado a posto?

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 03/12/2005 alle 08:18:57
catone, come detto, era il censore di roma. in quanto censore contava (??) prof nn so niente, non prendiamoci in giro...vado a posto?

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 03/12/2005 alle 08:18:59
catone, come detto, era il censore di roma. in quanto censore contava (??) prof nn so niente, non prendiamoci in giro...vado a posto?

Commento di Anonimo (ip: 80.183.7.205), scritto il 08/12/2005 alle 19:12:07
volevo sapere come immettere la radice quadrata....grazie!

Commento di Anonimo (ip: 87.2.188.34), scritto il 18/12/2005 alle 21:09:07
ma siete medi, allora! perchè non rispondete? perchè non troviamo un'interazione? eddai!

Commento di Anonimo (ip: 87.2.188.34), scritto il 18/12/2005 alle 21:10:37
guardate che se non rispondete mi infufo!

Commento di Anonimo (ip: 82.49.105.135), scritto il 04/01/2006 alle 11:26:01
Cosa vuol dire l'errore "invalid floating point operation"?

Commento di Anonimo (ip: 84.220.109.136), scritto il 12/01/2006 alle 22:19:29
EMERGENZA: qualcuno mi può dire cm si prelevano le informazioni di input da un file txt e cm si scrivono quelle di output su un file dello stesso tipo?

Commento di Anonimo (ip: 84.220.109.136), scritto il 12/01/2006 alle 22:19:44
EMERGENZA: qualcuno mi può dire cm si prelevano le informazioni di input da un file txt e cm si scrivono quelle di output su un file dello stesso tipo?

Commento di Anonimo (ip: 80.180.143.248), scritto il 25/01/2006 alle 18:54:08
Questo manuale è privo di contenuti

Commento di Anonimo (ip: 83.176.0.85), scritto il 01/02/2006 alle 12:35:52
sono alle prime armi e voglio installare il pascal sul mio pc

Commento di Anonimo (ip: 87.1.173.182), scritto il 04/02/2006 alle 11:38:38
anche io sono alle prime armi e voglio installare il pascal sul mio computer

Commento di Anonimo (ip: 81.73.158.197), scritto il 04/02/2006 alle 12:44:24
avete letto tutti i commenti?????? bravi morirete entro 77 giorni iniziate a tremare e fate testamento condoglianze by IleIle

Commento di Anonimo (ip: 81.73.158.197), scritto il 04/02/2006 alle 12:44:30
avete letto tutti i commenti?????? bravi morirete entro 77 giorni iniziate a tremare e fate testamento condoglianze by IleIle

Commento di Anonimo (ip: 87.10.242.177), scritto il 08/02/2006 alle 14:43:04
SI potrebbe inserire anche un po' di grafica..........

Commento di Anonimo (ip: 82.52.178.104), scritto il 08/02/2006 alle 15:55:48
tyetyr

Commento di Anonimo (ip: 83.184.141.214), scritto il 16/02/2006 alle 18:08:54
ma chi l'ha scritta mia sorella!?
p.s. ha sei anni!!!!!!!!!!!!

Commento di Anonimo (ip: 81.72.123.14), scritto il 22/02/2006 alle 15:09:45
CIAO

Commento di Anonimo (ip: 82.60.174.224), scritto il 02/03/2006 alle 19:03:42
TROVO BUONO QUESTO MANUALE..IL PROBLEMA SONO IO CHE NON HO SEGUITO UNA LEZIONE!!!!E DOMANI HO COMPITO!!!ALESSANDRA

Commento di Anonimo (ip: 82.60.174.224), scritto il 02/03/2006 alle 19:04:16
TROVO BUONO QUESTO MANUALE..IL PROBLEMA SONO IO CHE NON HO SEGUITO UNA LEZIONE!!!!E DOMANI HO COMPITO!!!ALESSANDRA

Commento di Anonimo (ip: 82.60.174.224), scritto il 02/03/2006 alle 19:04:20
TROVO BUONO QUESTO MANUALE..IL PROBLEMA SONO IO CHE NON HO SEGUITO UNA LEZIONE!!!!E DOMANI HO COMPITO!!!

Commento di Anonimo (ip: 80.207.161.112), scritto il 29/03/2006 alle 10:23:41
Salve a tutti,
siamo una povera classe di studenti ai quali tocca sorbirsi due volte a settimana questo stramaledettissimo programma Pascal. Ora, se è veramente tanto importante come il/la notro/a proff. vuole farci credere io non lo so. So solo che NON CE LA FACCIAMO PIU'.
Pascal lo ODIAMO.
Siamo vicini al suicidio di massa o all'omicidio liceale.
Tutto il mondo dell'informatica SEMBRA che giri attorno a sto cavolo di compilatore.
PASCAL-E'-SUPERATO! Andiamo al basic! Andiamo AVANTI.
A che serve studiare quest'assurdità contorta che tanto somiglia alla matematica se poi non ci servirà a NULLA?


Sono... 6 mesi che studiamo IF,BEGIN,END con 'il puntoevirgola'...BASTA!
La nostra generazione ODIA pascal.
ODIAMO pascal.

Saluti a tutti ^__^

Commento di Anonimo (ip: 82.57.145.180), scritto il 02/04/2006 alle 20:38:13
bip bip prova

Commento di Anonimo (ip: 82.57.145.180), scritto il 02/04/2006 alle 20:39:45
GRANDE PASCAL!!

Commento di Anonimo (ip: 82.57.145.180), scritto il 02/04/2006 alle 20:42:47
Concordo: grande pascal!

Commento di Anonimo (ip: 82.53.90.159), scritto il 03/04/2006 alle 17:15:09
xkè mi da errore la variabile nome: array of string"???????????xkè??? rispondetemi!!!!!!!!!

Commento di Anonimo (ip: 87.2.90.145), scritto il 25/04/2006 alle 15:53:16
ragazzi qualcuno ha il gioco del 15 in linguaggio pascal????

Commento di Anonimo (ip: 83.184.214.213), scritto il 11/05/2006 alle 15:34:24
ciccini belli... voi e la vostra classe sarete lenti.. com'è che noi in 6 mesi abbiamo fatto tanto d più d quello che c'è in qst manuale? che cmq per una qls persona che inizia va più che bene.
e poi cosa spari che il basic è più POTENTE ma stiamo scherzando??? non c'è parogone... basic sarà solo più facile per impediti come voi..
il C e il C++ sono più potenti del pascal

Commento di Anonimo (ip: 83.184.214.213), scritto il 11/05/2006 alle 15:35:33
per anonimo: xkè mi da errore la variabile nome: array of string"???????????xkè??? rispondetemi!!!!!!!!! semplice perchè il tipo string è già d per se un vettore.. e come dire array of array... non avrebbe senso!!

Commento di Anonimo (ip: 213.213.51.54), scritto il 16/05/2006 alle 17:43:47
servono esempi di programmi, sia di base fino alle matrici.

Commento di Anonimo (ip: 80.104.118.200), scritto il 21/05/2006 alle 20:54:31
IP

Commento di Anonimo (ip: 82.84.150.49), scritto il 22/05/2006 alle 21:01:45
domani c ho il compito in classe di turbo pascal nn so niente aiutatemi

Commento di Anonimo (ip: 87.4.190.66), scritto il 25/05/2006 alle 15:47:54
domani ho compito di pasal e sono sicuro che prendero 8,5...

Commento di Anonimo (ip: 82.84.148.150), scritto il 27/05/2006 alle 11:27:05
a rega ho preso 6 al compito in classe ero il ragazzo che nn sapeva niente

Commento di Anonimo (ip: 82.84.148.228), scritto il 24/06/2006 alle 12:20:27
7 voto finale alla pagella.... sempre il solito ragazzo ... vorrei dire che in questo sito dovete aumentare i programmi .. perche cosi nn è sufficente e na mezza cacat@

Commento di Anonimo (ip: 151.37.101.57), scritto il 25/06/2006 alle 15:21:31
il pascal in sè nn serve a molto...apparte l'impostazione mentale che ti da...cmq se voi e la vostra classe lo odiate fate una bella cosa, nn studiatelo più, vi prendete il vostro bel 3 in paggella e basta....assumetevi le vostre responsabilità

Commento di Anonimo (ip: 151.37.101.57), scritto il 25/06/2006 alle 15:22:03
Riccardo
...scusate

Commento di Anonimo (ip: 80.182.56.58), scritto il 25/11/2006 alle 18:59:06
Commento x l''anonimo classe che non vuole Pascal. Io sono un insegnante di programmazione strutturata in un ITIS e utilizzo questo linguaggio per dare ai miei allievi un minimo di logica mentale. E'' vero che nell''industria non si usa il Pascal ma la logica che il Pascal insegna a voi SI! Studiate du più invece di criticare. Paolo

Commento di Anonimo (ip: 213.230.155.22), scritto il 13/01/2007 alle 18:32:07
la guida è scritta bene a parte alcuni errori negli esempi di programmi che non li fanno funzionare correttamente. Questo rappresenta un notevole ostacolo per i principianti.
*Carmine*

Commento di Anonimo (ip: 87.7.131.220), scritto il 28/01/2007 alle 19:30:41
Scuusate ma non so dove mettere textcolor(6)o altri numeri ho provato da qualche parte ma il testo resta sempre dello stesso colore

Commento di Anonimo (ip: 87.7.131.220), scritto il 28/01/2007 alle 19:32:24
e inutile ho provato dappertutto ma il colore e sempre lo stesso

Commento di Anonimo (ip: 87.3.25.104), scritto il 07/02/2007 alle 00:21:04
davvero bello questo sito...sapete altri siti dove parlano del pascal?

Commento di Anonimo (ip: 87.3.25.104), scritto il 07/02/2007 alle 00:22:30
davvero bello questo sito...sapete altri siti dove parlano del pascal? p.s. ci mancano un sacco di altre cose....ad esempio le funzioni....!!!vabbe ciaoooo

Commento di Anonimo (ip: 81.116.50.247), scritto il 23/04/2007 alle 12:18:17
siete tutti degli sboroniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii.....v''ammazzo tutti!!!!!!!!!!!

Commento di Anonimo (ip: 87.14.8.222), scritto il 02/06/2007 alle 08:48:34
wella!!

Commento di Anonimo (ip: 77.242.214.96), scritto il 21/08/2007 alle 19:05:51
nel programma:

...
x:=0;i:=1;j:=1;
whilei<3do
begin
x:=x+i+j;
i:=i+1;
j:=j+1;
end;
...

quali sono le variabili contatore. o qul''è ???????

Commento di Anonimo (ip: 85.18.14.30), scritto il 09/09/2007 alle 13:52:03
Questo manuale è bello pero ho un problema con turbo pascal: non ci riesco a scrivere ">" mi potete aiutare, ciao.

Commento di Anonimo (ip: 213.156.55.136), scritto il 19/10/2007 alle 20:36:32
Ciao a tutti.
Un grosso pernacchione va a tutti coloro che si sentono dei super e criticano il lavoro che altri fanno.
Leggendo alcuni commenti è davvero un peccato che si critica tutto in negativo... Personalmente per me ha reso chiaro alcuni concetti che, essendo io un autodidatta, nessuno avrebbe spiegato con pazienza e semplicità. Grazie a tutti coloro che portano avanti questi progetti gratuiti per persone non facoltose e volenterosi di imparare nel tempo libero.
asf@leonardo.it (Alessandro)

Commento di Anonimo (ip: 79.0.168.210), scritto il 21/11/2007 alle 17:20:05
Credo sia doveroso....se passerò + ke decentemente il compito apparentemente imposs di domani è grazie ai vostri chiarimenti...!!! grazie mille!

Commento di Anonimo (ip: 147.163.15.154), scritto il 27/11/2007 alle 15:41:04
mi potete mandare il programma del gioco del 15?
cioè cm si fa in pascal.

Commento di Anonimo (ip: 147.163.15.154), scritto il 27/11/2007 alle 15:44:23
per favore? :-)

Commento di Anonimo (ip: 212.189.242.242), scritto il 11/12/2007 alle 14:06:45
E'' un ottima guida, 5 anni fa ho studiato su questa, e ho iniziato.
Però ci sono alcuni errori, il for To ed il while hanno bisogno di Begin all''inizio, se le istruzioni sono più di una.
L''autore stesso dice con questi pochi comandi si può fare tutto. Il Pascal è forse poco sofisticato, ma se ci si impegna, si può fare qualunque cosa, non pensiate che il C o Java siano un mondo delle meraviglie che fanno tutto da soli.

Commento di Anonimo (ip: 85.18.14.24), scritto il 27/12/2007 alle 14:31:38
Ciao a tutti! E'' molto utile questa guida per chi vuole iniziare, soprattutto per quelli come me che non hanno UN PROFESSORE che gli insegna tutto!! Cmq io sto facendo del mio meglio.... Xò ho un grosso probblema per la gestione dei file, ovvero riesco a scrivere quello che voglio nei file ma non li riesco a formattare cioè a strutturarli come voglio io. In particolare quando salvo nei file *.txt mi compare nel file che creo un quadartino all'' inizio di ogni valore che salvo e non capisco perche mi lascia 20000 spazi vuoti tra un valore e l'' altro.
Spero che qualcuno di voi possa darmi qualche consiglio perchè girando nei siti non è che si trovi molti! O almeno potete consigliarmi qualcosa...
Vi ringrazzio in anticipo,
Warrior ☺

Commento di Anonimo (ip: 85.195.123.25), scritto il 15/03/2008 alle 22:06:29
non so chi abbia scritto questa guida comunque il programma potenza non puo'' funzionare!!!
PROGRAM potenza;
USES crt;
VAR a,b,c,i:INTEGER;
BEGIN
WRITELN(''Inserisci un numero'');
READLN(A)
WRITELN('' Inserisci esponente '');
READLN(B);
FOR I:= 1 TO b DO
c:=a*a;
END;
WRITELN(''Il risultao della potenza è '' ,c);
READLN;
END.

quando c'' è il for non ha molto senso scrivergli dentro C:= A*A;
perche c assumera'' sempre il quadrato di a!!
il brogramma dovrebbe essere :
PROGRAM potenza;
USES crt;
VAR a,b,c,i:INTEGER;
BEGIN
WRITELN(''Inserisci un numero'');
READLN(A)
WRITELN('' Inserisci esponente '');
READLN(B);
C := 1;
FOR I:= 1 TO b DO
C:= C * A;
END;
WRITELN(''Il risultao della potenza è '' ,c);
READLN;
END.

Tino91 =-b

Commento di Anonimo (ip: 87.18.86.166), scritto il 16/03/2008 alle 12:49:50
mi potete spiegare xk non si può usare ^ per le potenze???

Commento di Anonimo (ip: 87.16.197.231), scritto il 07/04/2008 alle 15:32:08
Io ho un "pallino" per la ricorsione ...è quella che mi riesce meglio. Ergo l''ho fatto in modo ricorsivo il programma che calcola la potenza. Posto il codice sperando che sia utile a qualcuno:

Program potric;
uses crt;
var i,n,b:integer;

{Procedura ricorsiva che eleva un numero per un esponente ricevuto in input}
Procedure numero (var b1,n1:integer);
var i,r:integer;
Function Potenziale (b1,n1:real):real;
begin
if n1>=0 then
begin
if n1=0 then potenziale:=1
else
potenziale:=b1*potenziale(b1,(n1-1));
end
else
potenziale:=1/b1*potenziale(b1,(n1+1));
end;
begin
writeln(''Inserisci il numero: '');
readln(b1);
writeln(''Inserisci l''''esponente a cui elevare '',b1,'' : '');
readln(n1);
writeln( b, ''^'' ,n1, ''= '', potenziale(b1,n1):5:5);
end;

{main program}
Begin
clrscr;
numero(b,n);
repeat until keypressed;
end.

Commento di Anonimo (ip: 87.6.172.134), scritto il 27/04/2008 alle 10:54:48
non cii capisco nullla

Commento di Anonimo (ip: 87.8.58.156), scritto il 27/04/2008 alle 13:36:41
ciao complimenti x la guida se l''hai fatta tu.. xkè l''ho già vista in giro x il web... cmq ho un porblema... alla fine di un mio programma, devo stampare i risultati mettendo delle variabili dentro al writeln, ma quando do il run mi dice: " error 8, string costant exceeds line. nell''appenidce della guida dici ke è xkè nn ho messo il testo fra gli apici, eppure ci sono. nel java da questo errore quando la scritta è troppo lunga.. includo la fine del codice... se riesci ad aiutarmi mi faretsi un grabnde favore!

(...)
begin
(ns) := (ns) + 1;
(so) := (so) - (p);
(p) := (p) * 2;
end;
end;
writeln (''in '',net ''); <-------------------error 8, string costant exceeds line.
write (''estrazioni'');
(...)

Commento di Anonimo (ip: 87.8.58.156), scritto il 27/04/2008 alle 13:38:57
end;
end;
writeln (''in '',net '');
write (''estrazioni'');

Commento di Anonimo (ip: 87.8.58.156), scritto il 27/04/2008 alle 13:40:03
Nota bene: nel codice sopra inserito sono stati automticamnete trasformati gli apici in virgolette...

Commento di Anonimo (ip: 87.5.236.179), scritto il 29/04/2008 alle 13:01:12
fa niente.. ho risolto

Commento di Anonimo (ip: 87.5.108.223), scritto il 13/05/2008 alle 18:55:03
Che manuale di popo''

Commento di Anonimo (ip: 87.16.156.53), scritto il 12/06/2008 alle 16:30:13
Come si fa ad entrare nella logica del ragionamento in pascal?sono tre mesi che ci provo ma ancora non ci sono riuscito...è una follia che ancora si facciano esami unversitari su questo tipo di programmazione

Commento di Anonimo (ip: 82.48.155.201), scritto il 22/08/2008 alle 17:11:04
esiste una guida completa con le soluzioni agli errori di pascal??

Commento di Anonimo (ip: 82.48.161.39), scritto il 18/09/2008 alle 17:07:57
-_-

Commento di Anonimo (ip: 93.147.6.119), scritto il 23/09/2008 alle 21:08:06
io ne preferisco altre...

Commento di Anonimo (ip: 79.41.234.238), scritto il 27/09/2008 alle 14:41:14
lisa ti amo

Commento di Anonimo (ip: 79.41.234.238), scritto il 27/09/2008 alle 14:42:14
lisa ti prego mollamela so ke te la depila...so leccartela

Commento di Anonimo (ip: 81.208.83.233), scritto il 10/10/2008 alle 17:33:03
aiutooo.perche non mi esce scritto dove stanno gli errori?

Commento di Anonimo (ip: 81.208.83.233), scritto il 10/10/2008 alle 17:33:31
aiutooo.perche non mi esce scritto dove stanno gli errori?

Commento di Anonimo (ip: 79.47.68.69), scritto il 21/10/2008 alle 16:43:31
evviva la programmazione...è un bel lavoro.

Firmato: danielekeplero

Commento di Anonimo (ip: 84.221.154.158), scritto il 26/10/2008 alle 12:27:15
ciaoo!!!
nel pezzo dove c sn scritti i "codici" da inserire x avere o sfondo o il testo colorato nn c sn gli abbinamenti numero-colore...
qualcuno potrebbe scriverli?
grz!!

Commento di Anonimo (ip: 94.37.88.130), scritto il 04/12/2008 alle 03:31:57
Beh , questo è un classico esempio di cattivoesempio .
Quando qualcuno cerca di aiutare , gli altri cui non interessa aiutare sviano i concetti.Una guida è fatta di contributi (anzi contributions) di altri utenti ma contribuite?
Cari maturandi,universitari e studenti in genere , l''opensource è di tutti ma solo in pochi possono permetterselo !
Un anonimo che "investe" da una vita sull''open source . Dal Pascal ...

Commento di Anonimo (ip: 79.25.31.251), scritto il 10/12/2008 alle 23:54:47
bravo complimenti per la guida!!!grazie

Commento di Anonimo (ip: 89.96.14.233), scritto il 04/02/2009 alle 16:46:03
PYTHON 4 EVER

Commento di Anonimo (ip: 82.55.153.119), scritto il 15/03/2009 alle 12:43:32
Qualcuno potrebbe aiutarmi? uso pascal 7. Una volta che scrivo "s" il programma sta in pausa per un 5 secondi e mi da "error 5 | File access denied".
Ho anche tolto la spunta a tutte le cartelle "sola lettura" (anche se ogni volta che la levo poi si rimette da sola).. poteta aiutarmi?
[di seguito c''è il progrmam]

program paga1;
uses crt;
const k=10;
type parola=string[30];
dipend=record
cog_nom:parola;
stip:longint;
end;
bustapag=file of dipend;
var si_no:char;
paga:bustapag;
elem:dipend;
i:integer;
begin
clrscr;
for i:=1 to k do writeln;
writeln(''Si vuole leggere il file (BUSTA2) ? Si=s ; No=n'');
readln(si_no);
writeln;
case si_no of
''n'':begin
writeln(''Eseguzione terminata'');
readln;
end;
''s'':begin
assign(paga, ''c:\\tp\\esercizi\\paga1'');
reset(paga);
repeat
read(paga, elem);
with elem do
begin
writeln(''Cognome/Nome dipendente: '', cog_nom);
writeln(''Stipendio: '', stip);
end;
writeln(''Premere invio per proseguire nella consultazione'');
readln;
until eof (paga);
close(paga);
end;
end;
end.

Commento di Anonimo (ip: 93.51.243.66), scritto il 16/10/2009 alle 12:59:00
w la cacca

Commento di Anonimo (ip: 93.150.26.242), scritto il 24/10/2009 alle 14:07:59
good!

Commento di Anonimo (ip: 87.16.133.217), scritto il 26/11/2009 alle 15:24:49
ma io che non so un cavolo di programmazione potrei imparare qualcosa con questa guida?

Commento di Anonimo (ip: 82.58.49.79), scritto il 28/11/2009 alle 17:31:20
fafafaafafafafafaffafafa

Commento di Anonimo (ip: 78.12.201.62), scritto il 15/12/2009 alle 16:07:06
Ho ben poco da dire, fra poche ore ho il compito in classe, è tre mesi che combatto con TP......e non cavo un ragno dal buco! Quando credo di aver capito tutto.....è la volta che non ho capito niente. In genere supero gli ostacoli con la testardaggine ma stavolta sto mettendo in dubbio le mie capacità mentali......e non trovo nessun tipo di spiegazione che mi soddisfi completamente: Chiarisco un problema e un''altro appare all''orizzonte! Comunque non mi arrendo.....l''informatica è la disciplina più bella del mondo. In bocca al lupo a tutti i futuri programmatori.......

Commento di Anonimo (ip: 93.148.180.30), scritto il 19/12/2009 alle 19:50:32
guarda, io lo sto studiando a scuola e a me è servito imparare prima IF e CASE OF FOR ed è per gente che non l''ha mai toccato..poi hai saltato il ciclo WHILE che ripete le istruzioni finchè sono false

Commento di Anonimo (ip: 80.104.113.200), scritto il 17/01/2010 alle 18:07:32
dovrei fare un programma per il lancio di un dado facendo si che alla fine mi risulti una specie di tabella con frequenze assolute e frequenze relative...potrebbe mostrarmi come si dovrebbe fare con qualche consiglio per riuscire autonomamente in futuro? non riesco proprio a capire nulla -.-'''' la ringrazio anticipatamente

Commento di Anonimo (ip: 95.247.32.27), scritto il 22/01/2010 alle 15:59:15
Qualcuno potrebbe scrivermi di seguito come creare il gioco del 15 in pascal? (per intendere il gioco del 15 è quello delle 16 caselle di cui 15 numerate e una bianca che si deve spostare per ordinare in senso crescente tutte le caselle e l''ultima è la bianca)

Commento di Anonimo (ip: 87.10.56.195), scritto il 27/01/2010 alle 12:54:21
BELLAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commento di Anonimo (ip: 88.62.70.43), scritto il 04/05/2010 alle 10:53:37
ci vuole l''apice non le virgolette nel ''''paga 1''''!!!!!!!

Commento di Anonimo (ip: 88.62.70.43), scritto il 04/05/2010 alle 10:54:48
ciauuuuuuuuu o_O by noi x voi

Commento di Anonimo (ip: 87.17.46.32), scritto il 05/05/2010 alle 16:25:23
bello

Commento di Anonimo (ip: 151.46.158.35), scritto il 13/05/2010 alle 17:01:35
Scusate il disturbo ma mi servirebbe un aiuto. ho creatoi un programma in pascal dove si possono scegliere tra le quattro operazioni matematiche quella che ci serve tramite case ''variabile'' of.
il problema e ke quando l''operazione scelta finisce io vorrei ritornare alla domanda iniziale cioè la domanda ke ho impostato per la scelta dell''opewrazione invece si termina il programma come se il codice fosse finito.

Commento di Anonimo (ip: 78.15.240.106), scritto il 24/08/2010 alle 23:17:40
Questa guida è semplicemente un copia e incolla puro e semplice da una guida in pdf che è reperibile e scaricabile in rete... I listati sono sbagliati perchè non avevate previsto che ci fosse qualcosa di sbagliato nel lavoro altrui... Ma chi volete prendere in giro...Staff? Se proprio ci volete mettere il vostro nome, metteteci un po'' della vostra fatica. Che a fare copia e incolla sono bravi tutti.

Commento di Anonimo (ip: 93.33.4.138), scritto il 12/10/2010 alle 11:35:43
non trovo assemblaggio meccanico del computer.

Commento di Anonimo (ip: 93.33.4.138), scritto il 12/10/2010 alle 11:35:43
non trovo assemblaggio meccanico del computer.

Commento di Anonimo (ip: 151.82.175.29), scritto il 26/11/2010 alle 17:57:03
scusa ma non mi funziona

Commento di Anonimo (ip: 151.82.175.29), scritto il 26/11/2010 alle 17:57:31
mi potete dire perche

Commento di Anonimo (ip: 151.82.175.29), scritto il 26/11/2010 alle 18:00:09
°I°.E BRELLO LO STESSO

Commento di Anonimo (ip: 79.30.173.12), scritto il 06/04/2011 alle 17:37:27
Abbastanza utile... Il primo esempio di programm anel capitolo 4 è sbagliato.

Commento di Anonimo (ip: 151.52.213.128), scritto il 31/08/2011 alle 10:46:17
e

Commento di Anonimo (ip: 151.52.213.128), scritto il 31/08/2011 alle 10:49:44
Insomma basta idiozie sono laureato in ingegneria informatica lavoro alla Apple in svizzera e credo di essere più preparato di voi ..Qui incollo le fonti prese da wikipedie e scritte dal nostro team.
http://it.wikipedia.org/wiki/Pascal_(linguaggio)

Commento di Anonimo (ip: 2.234.0.222), scritto il 12/04/2012 alle 14:58:28
cavolate il pascal lo ho imparati in 1 pomeriggio e ho 12 anni ciao imparatevi il C

Commenta questa notizia:
Non hai ancora fatto il
Login, puoi inserire commenti solo come anonimo.
ATTENZIONE: il tuo IP verrà memorizzato e mostrato a fianco del commento; con la pressione del tasto invia commento si esprime il consenso alla pubblicazione di tale informazione personale.
A discrezione dello staff, i commenti ritenuti non adatti od offensivi potranno essere rimossi. Nel caso di utilizzo di espressioni volgari od offensive il comportamento verrà segnalato al provider interessato.
Se non ti sei ancora registrato, cosa aspetti? Registrati subito.

Da ora puoi discutere dei problemi informatici anche sul nostro FORUM

Testo del commento:


  News correlate
 Guida a Front Page 2000
 Guida al C++
 Menu orizzontale dinamico in Dhtml
 Corso C++: elementi lessicali
 Corso C++: introduzione
 Turbo Pascal
 Delphi: impariamo a programmare
 Lezioni e programmazione in Assembler
  Ultime dal Forum

essay on paper vs plastic
destructors essay
google scholarly essays gospel according to matthew discipleship
bliss essay katherine mansfield
m tech thesis report pdf
essayer lunettes en ligne ray ban
ppt compare contrast essay
umd thesis online submission
should i major in creative writing

Comunicazioni / Note Legali / Staff / Collabora / Pubblicità / Privacy / Contatti


Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741470 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di TRIBOO SPA - all rights reserved CAP. SOC. EURO 28.740.210 I.V. - P.IVA 02387250307 - COD. FISC. e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI : 02387250307 tel.+39 02 64741401 - fax + 39 02 64741491. Utenti Connessi: 186


Pagina creata in 0,33sec. Powered by JuiceADV S.r.l.

Stats v0.1 (0,015sec.)