Pagina Iniziale | Preferiti Comunity: Login | Registrati | Newsletter | Forum | Concorsi Newsgroup
Canali: Hardware | Software | Files | Webmaster | Cellulari | Shop
Nel sito: News | Articoli | Files | Manuali | Consigli PC | Schede cellulari | Programmaz. | Hosting | Motori Ricerca | Glossario | Link
Servizi: Shopping | Forum | Crea un BLOG | Cartucce Compatibili | Tool News |   Sponsor: Automazione Industriale
  Articoli

Recensioni
Consigli per PC


  News e files

Software
Telefonia
Internet
Tecnologia
Files e Download


  Manualistica

Guide HW/SW
Scripts ASP
Scripts HTML
Scripts Java
Scripts Delphi
Glossario


  Shopping

Hardware
Software e Giochi
Elettronica
Cinema e Film
Console e Accessori
Prodotti Ufficio
Formazione e Corsi

Tieniti aggiornato sul mondo della tecnologia con la nostra newsletter!
La tecnologia sulla tua
casella e-mail

[Info Newsletter]


Concessionaria Pubblicitaria

<< News Precedente [Fine Pagina] News Successiva >>
Errore: PAGE_FAULT_ IN_NONPAGED_AREA

Un articolo di: Rosario Marcianò del 29/01/2005      Letture: 21572

Errori STOP 0x4E, STOP 0x1A, STOP 0x50 e STOP 0xA quando si tenta di avviare il computer

Windows XP annovera una innumerevole sequela di errori fatali (blue dead screens), i quali sovente, generano panico nell'utente comune e, dato che solitamente, il messaggio è assolutamente ermetico per un non addetto ai lavori, non forniscono certo informazioni (almeno all'apparenza) rilevanti ai fini della soluzione del problema occorso.

Allorquando la combinazione Hardware/Sistema Operativo incontra un "ostacolo" (accesso ad un'area di memoria riservata), per via di problemi di periferica o di drivers di periferica, Windows genera un blocco repentino della macchina. Solo (e non sempre) il reset del PC, permette di rimettere in operatività Windows XP.

In talune circostanze i blocchi di sistema sono endemici e ciò ci induce a percorrere due strade diagnostiche diverse. Principalmente, come accennavo, le cause di un siffatto malfunzionamento, sono due:

1) Abbiamo installato una periferica difettosa;

2) Abbiamo fornito al sistema un driver non compatibile o mal progettato.

E' da rimarcare un aspetto importante: in Windows XP, così come Windows 2000 e 2003 Server, il componente centrale è rappresentato dal file Ntoskrnl.exe. Questo file gestisce l'OS, ma non viene richiamato dalle diverse applicazioni. Se un programma adopera una routine di basso livello, questa funziona adoperando il kernel32.dll, laddove però non "gira" il sistema operativo, ragione per cui, blocchi di sistema irreversibili o schermate blu, sono la dimostrazione che il problema va principalmente ricercato in malfunzionamenti hardware.

Nel caso specifico degli errori evidenziati dal seguente messaggio:

STOP 0x0000001a (0x00041284, 0xca9a2000, 0x000077e0, 0xc0c00000) MEMORY_MANAGEMENT
STOP 0x0000004e (0x00000007, 0x00007abf, 0x0000f17e, 0x00000000) PFN_LIST_CORRUPT
STOP 0x0000000a (0x00000028, 0x00000002, 0x00000000, 0x8012d2d6) IRQL_NOT_LESS_OR_EQUAL
STOP 0x00000050 (0xc2332b94, 0x00000000, 0x00000000, 0x00000000) PAGE_FAULT_IN_NONPAGED_AREA

...è palese un difetto di uno o più moduli di RAM.

Le Motherboards di ultima generazione, oltretutto (specie quelle per la gestione del dual channell) sono molto "schizzinose" con i banchi di RAM. Se questi  non corrispondono alla lista dei modelli e marca ammessi e descritti nel manuale (soprattutto se sono moduli OEM - non Brand) si possono avere problemi di varia natura o, addirittura, il PC non esegue il boot. Nel caso specifico di utilizzo in dual channel, i moduli devono essere identici. Banchi di memoria non perfettamente compatibili o difettosi, portano sovente all'impossibilità di eseguire la completa installazione di Windows XP.

Se non si è certi di avere moduli perfettamente supportati, il mio consiglio consiste nel montare (almeno temporaneamente) un solo banco da 512 Mb o più in single channel (slot nero). L'aumento di prestazioni in dual channel, a parità di MB in dotazione, è particolarmente irrilevante, per cui, se il computer non dovesse dare problemi in configurazione single channel, lascerei tale impostazione come definitiva, almeno sino a quando non ci si procuri due banchi da 512 Mb uguali e di indubbia qualità (marca e modello) per il dual channel.

Ad ogni modo, l'errore "PAGE_FAULT_IN_NONPAGED_AREA" può spesso avere a che vedere con settaggi di BIOS errati  (frequenza CPU, voltaggi, settaggi memorie).

Riporto, al fine di rendere più completo l'articolo, i commenti al tipo di errore presenti nella knowledge base Microsoft

Errori STOP 0x4E, STOP 0x1A, STOP 0x50 e STOP 0xA quando si tenta di avviare il computer

Numero di articolo : 271955
Ultima revisione : mercoledì 8 ottobre 2003
Revisione : 1.0

Sintomi:

Quando si tenta di avviare il computer, è possibile che l'operazione non riesca e vengano visualizzati i seguenti messaggi di errore di STOP:

STOP 0x0000001a (0x00041284, 0xca9a2000, 0x000077e0, 0xc0c00000) MEMORY_MANAGEMENT
STOP 0x0000004e (0x00000007, 0x00007abf, 0x0000f17e, 0x00000000) PFN_LIST_CORRUPT
STOP 0x0000000a (0x00000028, 0x00000002, 0x00000000, 0x8012d2d6) IRQL_NOT_LESS_OR_EQUAL
STOP 0x00000050 (0xc2332b94, 0x00000000, 0x00000000, 0x00000000) PAGE_FAULT_IN_NONPAGED_AREA


Cause:

Questo comportamento può verificarsi quando la memoria RAM del computer è danneggiata.

Risoluzione:

Per risolvere il problema, sostituire la RAM del computer.

 

© Rosario Marcianò | Vietata la copia senza previa autorizzazione!



[Indietro]    [Su]      [Home]      [Commenti]      [V. Stampabile]

Commento di Anonimo (ip: 81.211.166.195), scritto il 30/08/2005 alle 11:21:35
ho un grozzo problema col prefetcher... sembra nn entrare in funzione anche se gli ho dato impostazione predefinita (boot & application). la cartella di prefetch è completamente vuota. come si può risolvere il problema??

Commento di Anonimo (ip: 84.221.138.69), scritto il 31/12/2007 alle 14:21:48

Aircrack - Craccare una rete wireless

Il 20 gennaio 2007 è stata rilasciata una nuova versione di Aircrack. Supportato da diversi sistemi operativi, si tratta di uno dei migliori tools per il wireless craking ed il wardriving. Se state utilizzando Linux potete seguire le istruzioni del sito Wireless Defence (anche se in inglese risulta intuitivo seguire tutti passaggi grazie alle varie immagini a supporto della documentazione). Se invece state utilizzando Windows, potete leggervi questo articolo (tratto per buona parte da Taz Forum).



Presupposti:

- Scaricate ed installate Aircrack

- Se utilizzate “Winaircrack” (Aircrack con interfaccia grafica) copiate i files peek.dll e peek5.sys all’interno della cartella di Aircrack

- Eseguiremo l’applicazione dal prompt di DOS: per poter eseguire il programma anche se non siamo nella directory che lo contiene, cliccate col tasto destro del mouse su “Risorse del computer, Proprietà, Avanzate, Variabili d’ambiente, Modifica” portatevi alla fine della linea su cui sono già scritte altre variabili d’ambiente, inserite un punto e virgola (“;”) e scrivete il percorso in cui si trova il programma Aircrack (es. C:\\Documents and Settings\\2BFree\\Desktop\\aircrack-ng-0.3-win\\aircrack-ng-0.3-win\\bin)

- Avrete anche bisogno di installare dei nuovi driver per il vostro adattatore di rete: i driver originali non sono stati pensati per fare cose simili (per trovare dei driver che possano fare al caso vostro visitate il sito WildPacket)

- Per installare i nuovi driver aprite “clic destro su Risorse del Computer, Proprietà, Gestione Periferiche, clic destro sul vostro adattatore di rete, Proprietà, Driver, Aggiorna Driver, Installa da un elenco o percorso specifico” scegliete il percorso in cui avete scaricato i driver. Assicuratevi infine che il vostro adattatore di rete sia ora compatibile col tutto

Per facilitarvi la comprensione, durante i vari passi di questo tutorial fate riferimento al diagramma di flusso presente sul sito Wireless Defence. Se non avete confidenza con i “MAC Address” allora, prima di proseguire, leggetevi anche il relativo articolo: http://2befree.wordpress.com/2007/02/03/mac-address/.



Il primo passo è ovviamente quello di trovare una rete wireless :-) . Potete andarvene in giro col vostro computer portatile a fare del wardriving oppure potete utilizzare una apposita chiavetta “Wi-fi Finder”.



Digitate “Airodump” nel prompt di DOS (Start, esegui, cmd). Vi comparirà una finestra contenete le schede di rete trovate sulla vostra macchina. Notate che accanto al nome delle schede di rete è presente un numero identificativo. Ad esempio:

14 NETGEAR WG511T 54 Mbps Wireless PC Card
22 NETGEAR WAG511 802.11a/b/g Dual Band Wireless PC Card

In questo caso digitate 22, il numero identificativo della scheda che ci interessa utilizzare (in genere è quella che riporta una qualche identificazione del tipo “802.11x”).



Ora vi viene chiesto di indicare il chipset utilizzato dal vostro adattatore di rete. Ad esempio:

Interface types: ‘o’ = HermesI/Realtek

‘a’ = Aironet/Atheros

Selezionate il vostro, in questo caso scegliendo “o” oppure “a”. Per sapere quale chipset è montato sulla vostra scheda di rete potete dare uno sguardo al sito: http://www.linux-wlan.org/docs/wlan_adapters.html.gz



Ora vi sarà richiesto di inserire il numero del canale da controllare (sniffing). In genere per gli USA e l’UK utilizzate l’11, per l’Europa il 14. Se volete fare una scansione di tutti i canali utilizzate lo zero.



In seguito il programma chiederà di digitare il nome da dare al file che verrà creato a partire dalla scansione del canale. Digitate il nome che vi pare, ad esempio “WEP1”.



Ora Aircrack vi chiederà se salvare gli interi pacchetti catturati o soltanto gli IV. Per craccare una chiave WEP vi basta salvare semplicemente gli IV (il che vi farà risparmiare diverso spazio sull’hard disk, quindi digitate “y”).



Adesso vedrete una schermata simile:

air.jpg

BSSID = l’indirizzo MAC dell’Access Point

PWR = indica la forza del segnale che si sta ricevendo

BEACONS = sono pacchetti “in chiaro” che l’Access Point trasmette sostanzialmente per dire “sono un access point, collegati a me”

DATA = è quello che ci interessa: sono gli IV che Aircrack utilizzerà per trovare
la password WEP

ENC = il tipo di incapsulamento: WEP, WPA, OPEN…

ESSID = Il nome della rete Wireless. L’SSID è una sorta di identificativo della rete. Se ad esempio l’Access Point ha come SSID il nome “pippo” allora le schede wireless che ci si vogliono connettere devono impostare a loro volta come SSID “pippo”.



Nella seconda parte dell’immagine sopra vediamo i vari client che stanno “dialogando” con l’Access Point”, più esattamente vediamo i vari indirizzi MAC dei client. Quest’informazione può risultare utile in seguito quindi annotatevi gli indirizzi MAC. Questo perché in un Access Point è possibile impostare un filtro di indirizzi MAC: in questo modo soltanto le schede di rete che hanno un indirizzo MAC riportato nel filtro potranno collegarsi. Ciò significa che anche se possediamo la chiave WEP non possiamo accedere all’Access Point a meno che l’indirizzo MAC del nostro adattatore di rete non sia stato impostato nel filtro dell’Access Point. Ad ogni modo un caso simile sarà trattato dopo, per il momento non preoccupiamocene.



Aicrack continuerà a collezionare IV finché non lo fermate. Più IV scaricate e più probabilità avete di decifrare la chiave. Non c’è un riferimento esatto del tipo “lunghezza chiave = tot numero di IV da scaricare”. In linea generale prendete per buono che per trovare una chiave WEP da 40 bit potete scaricare dai 250.000 ai 400.000 IV: Aircrack dovrebbe trovare la chiave in pochi secondi. Ad ogni modo vi conviene cominciare con pochi IV infatti, se questi non bastano ad Aircrack per trovare
la chiave WEP, non dovrete ricominciare tutto da zero: basterà che quando vi verrà chiesto il nome che volete dare al file inseriate lo stesso nome che avevate già utilizzato in precedenza (in tal modo il file non verrà sovrascritto ma verrà invece “continuato”, cioè incrementato). Per una chiave da 104 bit collezionate circa 2.000.000 di IV: a volte ne bastano molti meno (anche se il programma impiegherà più tempo per trovare la chiave), altre volte purtroppo dovrete scaricarne di più…

Quando sarete soddisfatti del numero di IV collezionati premete “CTRL + C” per fermare il programma.



Scrivendo “Aircrack-ng” nel prompt vi verrà mostrata la lista dei parametri che è possibile utilizzare. Supponiamo di aver scaricato intorno ai 400.000 IV, in genere sufficienti per scovare una chiave WEP da 40 bit. Digitiamo allora il comando “aircrack-ng -n 64 WEP1.ivs”. Con il parametro “-n 64” diciamo al programma che la chiave ha una lunghezza massima di 64 bit e di non provare quindi oltre (anche perché, come già ricordato, non abbiamo ancora scaricato abbastanza IV per lunghezze di chiave maggiori). Il parametro “-f” che in questo esempio non abbiamo utilizzato serve per specificare l’intensità dell’attacco brute-force che di default è a livello 2: volendo potete specificare un livello maggiore, ad esempio 5.

Da notare anche l’estensione del file (WEP1.ivs): sarà *.ivs se avevate deciso di salvare soltanto gli IV, sarà *.cap se avevate deciso di salvare gli interi pacchetti catturati.



Se avrete fortuna il programma vi restituirà un messaggio di “KEY FOUND” seguito dal nome della chiave.



Ora che avete la chiave utilizzatela proprio come se doveste connettervi ad una vostra rete “domestica”. Se l’SSID dell’Access Point è abilitato seguite questa spiegazione; in caso contrario vi rimando all’ultimo paragrafo di questa guida.

Start, Connetti a, Connessioni di rete senza fili, Visualizza reti senza fili disponibili. Se l’SSID è abilitato (è visibile), questo vi appare nella finestra delle connessioni disponibili (e in genere potete anche vedere se utilizza il WPA o meno come sistema di cifratura). Fate doppio clic sull’icona della connessione ed inserite la password che avete trovato in precedenza: è fatta. Se non riuscite a collegarvi la causa può essere:

1) L’access Point utilizza un filtro per indirizzi MAC

2) Siete troppo lontani dall’Access Point

3) La chiave che avete trovato è errata

1) L’AP utilizza un filtro per indirizzi MAC. In precedenza vi era stato detto di annotarvi gli indirizzi MAC che stavano dialogando con l’AP. Ora la cosa più semplice da fare è:
- Aspettare che uno degli indirizzi MAC annotati in precedenza si scolleghi
- Cambiare il nostro indirizzo MAC in modo da renderlo uguale a quello che si è appena scollegato (MAC Spoofing)
- Entrare nell’Access Point :-) .

2) Siete troppo lontani dall’Access Point. Bisogno di spiegazioni??? Avvicinatevi…

3) La chiave che avete trovato è errata. O meglio… è possibile che sia corretta: assicuratevi di averla scritta in modo giusto. In particolar modo assicuratevi di non aver scritto eventuali zeri (“0”) come delle “O” in quanto non ci possono essere delle “O”!

Se l’SSID dell’Access Point è disabilitato nessun problema. Voi conoscete già qual è, vi è stato rivelato da Aircrack: vedi immagine sopra, ESSID. Quello che dovete fare è semplicemente inserire l’SSID trovato nelle impostazioni di connessione.
Start, Connetti a, Connessioni di rete senza fili, Visualizza reti senza fili disponibili, Modifica impostazioni avanzate, Reti senza fili, Aggiungi: scrivete l’SSID così come lo ha trovato Aircrack, l’autenticazione alla rete è normalmente APERTA > scegliere la cifratura WEP, togliere il segno di spunta dalla voce “la chiave sarà fornita automaticamente” ed inserire invece la chiave WEP che avete trovato grazie ad Aircrack (nota: inserite la chiave tutta di seguito, senza i due punti (“:”) di separazione).

P.S. Per maggiori info visitate TAZ Forum.
P.P.S. Se ci prendete gusto col wardriving allora visitate anche il sito http://www.wardriving.com/ dove, tra le varie cose, troverete anche un vasto elenco di molti programmi utilizzabili per questo scopo.

~ di 2BFree su Febbraio 14, 2007.

Commento di Anonimo (ip: 84.221.138.69), scritto il 31/12/2007 alle 14:31:25
scusate ma per errore ho incollato la cosa sbagliata e nn trovo il modo di eliminarla...

davvero sorry...

______________________________________________________________________
volevo chiedere aiuto riguardo il fantomatico
0x00000050 (_______________ 0x00000000, ____________, 0x00000000) PAGE_FAULT_IN_NONPAGED_AREA
io ho come scheda madre una maximus formula della asus con un proccessore core 2, una stecca da 1gb di ram della kingstone (modello indicato come compatibile nel libretto) e una scheda video GeForce 8600gts all''avvio del sitema (il 90%delle volte) mi appare la terribile schermata blu di errore e il sistema si riavvia, cercando in internet ho tovato, sul sito della microsoft, l''ufficiale causa del problema ovvero un contrasto dei driver della scheda video col service pack1 di windows... ecco io ho il 2 e comunque ho aggiornato tutti i driver ma il problema non è scomparso, dopo varie prove e svariate bestemmie un giorno ho collegato il portatile di un amico per usarlo come gate per internet e... pare che il problema derivi dalle porte ethernet infatti in un primo momento hanno funzionato correttamente ma dopo poco hanno iniziato a dare problemi e quando, per pura prova ho pensato di disattivarle entrambe il problema all''avvio non si è + presentato, purtroppo data la lentezza del sito della asus sono riuscito a scaricare i driver aggiornati solo da poco e non ho ancora avuto la possibilità di installarli sulla macchina in questione...
scrivo quì perchè nonostante tutto non sono sicuro che la causa del problema sia l''ethernet e quidni chiedo aiuto a chiunque sappia che posso fare....

r35p3ct@katamail.com
Francesco




ps:
scusate ancora per sopra

Commento di Anonimo (ip: 62.13.172.67), scritto il 28/02/2008 alle 00:20:57
salve...c''è qulcuno che puo'' gentilmente ,darmi una mano a trovare i driver della scheda (lan pci 802,11 wn 5310a) per l'' istallazione di Winaircrack? grazie io non li trovo da nessuna parte..

Commento di Anonimo (ip: 85.105.133.142), scritto il 05/05/2008 alle 14:19:18

EA:50:00:38:E9

Commento di Anonimo (ip: 85.105.133.142), scritto il 05/05/2008 alle 14:19:21

EA:50:00:38:E9

Commenta questa notizia:
Non hai ancora fatto il
Login, puoi inserire commenti solo come anonimo.
ATTENZIONE: il tuo IP verrà memorizzato e mostrato a fianco del commento; con la pressione del tasto invia commento si esprime il consenso alla pubblicazione di tale informazione personale.
A discrezione dello staff, i commenti ritenuti non adatti od offensivi potranno essere rimossi. Nel caso di utilizzo di espressioni volgari od offensive il comportamento verrà segnalato al provider interessato.
Se non ti sei ancora registrato, cosa aspetti? Registrati subito.

Da ora puoi discutere dei problemi informatici anche sul nostro FORUM

Testo del commento:


  News correlate
 Finestra "Esegui" in Vista: come abilitarla
 Abilitare la Sospensione su Windows XP
 Impossibile accedere. Esistono restrizioni sull'account.
 Outlook, errore 'Classe non registrata' e rimedio
 Password di Windows, come recuperarla
 Errore 0x80072f8f in Windows Update
 Disinstallare il Media Player 10
 Errore: La memoria non poteva essere read/write
  Ultime dal Forum

frantz fanon essay
our daughters ourselves essay
????? ?????? >>> ????? ?????? watch ????? ?????? '
ignorance cannot be realistic a critique of the mearsheimer walt thesis
ba thesis defense
ruft draft essay
?????? ????? 2016 >>> ?????? ????? 2016 watch ?????? ????? 2016 '
thesis john adams
your future career goals essay

Comunicazioni / Note Legali / Staff / Collabora / Pubblicità / Privacy / Contatti


Triboo Media s.r.l. (società socio unico) - Viale Sarca 336 - Edificio 16, 20126 Milano (MI) Cap. Soc. 1.250.000,00 euro i.v. - P.IVA, C.F. e CCIAA di Milano IT06933670967 - REA MI-1924178 tel. +39 02 64741470 - fax +39 02 64741494 Società sottoposta alla direzione e coordinamento di TRIBOO SPA - all rights reserved CAP. SOC. EURO 28.740.210 I.V. - P.IVA 02387250307 - COD. FISC. e numero iscrizione al registro delle imprese CCIAA MI : 02387250307 tel.+39 02 64741401 - fax + 39 02 64741491. Utenti Connessi: 203


Pagina creata in 0,09sec. Powered by JuiceADV S.r.l.

Stats v0.1 (0,000sec.)